Inter - Genoa nel tempo di un caffè a tinte bianconere

Ho un brutto presentimento.
Giocare contro questo Genoa, dopo il passo falso della Juve. Non c’è niente di buono.

In più ieri ha pure segnato Karamoh.
Nuvole oscure ci attendono all’orizzonte.

Mi manchi Yann.

Primo tempo

1’ - NON CI CREDO LUKAKONEEEEEEE

Progressione infinita sul lancio di Bastoni e punisce Perin senza pietà.

3’ - Che noia però, dov’è finita la nostra cara amica sofferenza.

14’ - Traversona di Barella da fuori.

La nostra nuova sofferenza è l’impossibilità di segnare il 2 a 0.

24’ - Conte ha appena urlato “Bravo Ivan”

Che cosa ci sta succedendo?

29’ - Il telecronista che ci ricorda che il Genoa ha segnato solo un gol su calcio d’angolo in questo campionato mi ricorda il prete mi saluta per strada urlandomi “Ricordati che devi morire”

35’ - Siamo così forti che quasi mi annoio.

Per fortuna che Perin si ostina a negarci il raddoppio così ci rimane sempre la possibilità di mandare tutto in vacca.

Secondo tempo

7’ - “Torna bene sennò ti cambio”
A chi potrebbe aver urlato questa frase Conte?

a. Perisic
b. Eriksen
c. Perisic ed Eriksen

14’ - No.
Il messi Uzbeko insieme a Pandev no.

È l’inizio della fine, lo sentite tutti in realtà.

23’ - Darmiannnn!

Destro preciso dopo l’ennesima, implacabile, avanzata di Lukaku.

L’ennesima dimostrazione che Hakimi non ci serve.
Forza Inter, forza Darmian!

28’ - E vuoi non metterlo Gaglia a venti minuti dalla fine?

Povero, altrimenti prende freddo in panchina.

31’ - Sanchez segna pure il 3 a 0 appena entrato, ma viene annullato tutto per fuorigioco.

No aspè, forse è gol.

Attesa.

...

...

...

È gol!

32’ - Madonna, 3 a 0 al 75’.

Siamo diventati la Juve.

Aiuto.

39’ - Quanto è bello veder Vidal entrare a 5 minuti dalla fine ed Eriksen che rimane in campo per novanta minuti.

Sto piangendo.

45’ - Calcio spettacolo sull’asse Eriksen - Sanchez - Lukaku ma è tutto così bello che Sanchez tira la solita mozzarellona di mancino e... ci nega la goleada.

Grazie Nino maravilla!

Inter - Genoa nel tempo di un caffè a tinte bianconere

Ho un brutto presentimento.
Giocare contro questo Genoa, dopo il passo falso della Juve. Non c’è niente di buono.

In più ieri ha pure segnato Karamoh.
Nuvole oscure ci attendono all’orizzonte.

Mi manchi Yann.

Primo tempo

1’ - NON CI CREDO LUKAKONEEEEEEE

Progressione infinita sul lancio di Bastoni e punisce Perin senza pietà.

3’ - Che noia però, dov’è finita la nostra cara amica sofferenza.

14’ - Traversona di Barella da fuori.

La nostra nuova sofferenza è l’impossibilità di segnare il 2 a 0.

24’ - Conte ha appena urlato “Bravo Ivan”

Che cosa ci sta succedendo?

29’ - Il telecronista che ci ricorda che il Genoa ha segnato solo un gol su calcio d’angolo in questo campionato mi ricorda il prete mi saluta per strada urlandomi “Ricordati che devi morire”

35’ - Siamo così forti che quasi mi annoio.

Per fortuna che Perin si ostina a negarci il raddoppio così ci rimane sempre la possibilità di mandare tutto in vacca.

Secondo tempo

7’ - “Torna bene sennò ti cambio”
A chi potrebbe aver urlato questa frase Conte?

a. Perisic
b. Eriksen
c. Perisic ed Eriksen

14’ - No.
Il messi Uzbeko insieme a Pandev no.

È l’inizio della fine, lo sentite tutti in realtà.

23’ - Darmiannnn!

Destro preciso dopo l’ennesima, implacabile, avanzata di Lukaku.

L’ennesima dimostrazione che Hakimi non ci serve.
Forza Inter, forza Darmian!

28’ - E vuoi non metterlo Gaglia a venti minuti dalla fine?

Povero, altrimenti prende freddo in panchina.

31’ - Sanchez segna pure il 3 a 0 appena entrato, ma viene annullato tutto per fuorigioco.

No aspè, forse è gol.

Attesa.

...

...

...

È gol!

32’ - Madonna, 3 a 0 al 75’.

Siamo diventati la Juve.

Aiuto.

39’ - Quanto è bello veder Vidal entrare a 5 minuti dalla fine ed Eriksen che rimane in campo per novanta minuti.

Sto piangendo.

45’ - Calcio spettacolo sull’asse Eriksen - Sanchez - Lukaku ma è tutto così bello che Sanchez tira la solita mozzarellona di mancino e... ci nega la goleada.

Grazie Nino maravilla!

Notizie flash

Ultimi articoli

11/04/2021
Inter-Cagliari nel tempo di un caffè

Primo tempo 1' - Comunque questa formazione del Cagliari regala dei feels fortissimi. 3' - Che poi sarebbe anche bello vederli giocare 'sti feels ma DAZN mi regala solo l'immagine di Lukaku in loop. Non che non mi piaccia ammirare Romelone per ore e ore, però... 7' - Ascanietto, ho visto a malapena 30 secondi […]

11/04/2021
Inter Cagliari, il prepartita contro i facili entusiasmi

"Drobbo Endusiasmo!" continua a ripetere il MisDer da alcuni giorni."Ma Mister, sono 10 partite di fila che vinciamo, cosa ti aspettavi?" gli risponde Lele Oriali."Sì, vabbè, ma zitti e pedalare"."Non siamo al Giro d’Italia"."E’ un modo di dire, Lele. Come dice il mio MaesDro Arrigo, ci vuole umiltè"."I maestri di questo periodo non portano bene, […]

08/04/2021
Inter - Sassuolo, il pagellone del +11

HANDA 6: Povero Handa. Non so cosa tu abbia fatto di male nella tua vita precedente per meritarti questo castigo divino, ma così sarebbe troppo per chiunque. Lui ci prova anche a non subire gol, ma poi De Zerbi schiera Oddei, Traoré, Kyriakopoulos, Karamoko e Haraslin l'Exodia della Mittanza scende in campo in tutta la […]

08/04/2021
Inter - Sassuolo, dieci pensieri post - partita

10 - Innanzitutto buongiorno buongiorno buongiorno buongiornissimo caffè a tutti, ma a chi sta a +11 in classifica con tutte le partite giocate un po' di più. 9 - X: Ma dai, come fai ad essere in ansia per una partita contro il Sassuolo, voi siete primi, loro noni, e hanno mezza squadra fuori...Io: 8 […]

07/04/2021
Inter - Sassuolo nel tempo di un caffè

Primo tempo 4' - Prima Djuricic, poi Obiang Sasòl, sarà mica che avete fretta di purgarci 6' - Se vabbé come se potessimo segnare alla prima vera occasione. Saremo anche primi ma siamo sempre l'inter 7' - Ammonito per un fallo duro su Young… Consigli.Sento l'eco delle bestemmie di chi lo ha messo al fanta […]

05/04/2021
Bologna - Inter, il pagellone della benedizione pasquale

HANDA 6,5: Andato a male il tentativo di abbandonarci ai nostri drammi, eccolo tornare in porta ricacciando lo spettro di Radu, il mitt che fu. Ci teneva proprio a giocare contro il Bologna. Rischia seriamente di subire gol da Soriano e da Schouten, ma il clean sheet è il primo segnale tangibile di una realtà […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram