24/05/2020

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie

7 aprile 2013.

Sette anni fa a San Siro va in scena una delle partite più belle degli ultimi anni.
L'Inter guidata dal suo mitico condottiero Strama si trova tanto per cambiare in Crisi e scende in campo con un avveniristico 3-5-2 con Handa in porta, the wall difensivo con Ranocchia, Samuel, Juan Jesus; centrocampo con Zanetti, Kovacic, Cambiasso, il Guaro e Alvarone Pereira. In attacco calcio champagne con l'esperienza di Rocchi e Cassano.

L'inizio della gara è già emozionante con tantissime occasioni da una parte e dall'altra, ma tutto cambia quando il povero fantantonio si stira un muscolo nel tentativo di fare un colpo di tacco.
Cassano prova a resistere il più possibile ma alla fine deve chiedere il cambio.
A quel punto entra Ricky Alvarez, che tanto per far capire chi comanda spreca una ghiotta occasione davanti al portiere sparandola direttamente in fallo laterale.
Il pubblico di San Siro rumoreggia, ma dopo gli infortuni di Cassano, Palacio e Milito la scelta è letteralmente tra lui o Carrizo punta.

Per fortuna in tutto questo ci pensa l'eterno Tommasone Rocchi a reggere tutto il peso dell'attacco sulle sue spalle.Pochi istanti prima dell'intervallo, con un guizzo su un corner sul primo palo (ah ma allora serve a qualcosa batterli così?) si inventa un gol bellissimo, con uno schema che proveremo a ripetere senza successo per i prossimi 7 anni.
Il nostro secondo Tommasone Pelato preferito raggiunge finalmente quota 100, non solo per la pensione ma anche per i gol in Serie A, esultanza sfrenata, primo gol in nerazzurro e c'è gente che lo ha anche nominato nei "peggiori acquisti" del nostro sondaggio. Mah...L'Inter dunque va a riposo ancora ignara di quello che avrebbero regalato i 45 minuti seguenti (più recupero).

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 1 Ranocchiate
IMMENSO TR18

Una volta rientrati in campo ci pensa il solito incubo Bonaventura a portare il risultato sull'1-1. Cross dell'ex di Livaja (che ci farà pagare a caro prezzo il fatto di averlo venduto, giocando l'unica mezza partita buona della sua vita) per il sosia di Allegri che spunta in mezzo ai nostri tre difensori e trafigge il povero Handanovic.

Nemmeno il tempo di urlare CRISIII INTEEEER che entra in scena un altro degli eroi di questa serata magica, RA11 Maravilla. Fino a quel momento stava passeggiando in campo beccandosi fischi in stile Supermario vs Barça, ma a un certo punto il VERO MARAVILLA approfitta di un momento di confusione totale nella difesa dell'Atalanta per fare un gollonzo stranissimo di testa su un uscita di Polito (secondo portiere dell'Atalanta..è esistito davvero, fidateve).
Partita raddrizzata con Ricky che esulta polemicamente sotto la curva nord, e a quel punto è esaltatissimo e si inventa anche il gol del 3-1. Semina il panico con le sue finte e dribbling a caso (aaaah com'era bravo il nostro Riccardino a seminare il panico) e batte per la seconda volta Polito.

La curva nord a questo punto si toglie il cappello di fronte al nostro Maravilla (Sanchez chi?!?!?!?)3-1 facile e tutti a casa.

Ah già.
Siamo l'Inter.
Cazzo.

Beh a questo punto dopo l'over 2.5 e l'infortunio in attacco entra in scena un altro grande classico dell'Inter di Strama, cioè: L'ERRORE ARBITRALE.

Livaja esce le lame totalmente a caso buttando giù Frog in area di rigore (la nostra eh, sia chiaro) e violentandolo ripetutamente. L'arbitro totalmente a caso decide di assegnare il rigore.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 2 Ranocchiate

A questo punto arriva una vecchia conoscenza, German Denis, che segna il 3-2.
E il 3-3.
E il 3-4.
Per favore Tanque fermati siamo già morti.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 3 Ranocchiate

Lo so che quanto vi abbiamo già raccontato sembra già abbastanza assurdo ma fin qui eravamo ancora tranquilli, è da questo momento in poi che comincia proprio IL DELIRIO.

Tanto per cominciare entra Schelotto e così per dimostrare che nello scambio Galgo-Livaja ci abbiamo guadagnato noi inizia anche lui a prendere a pugni giocatori atalantini a caso. Farsi dare un pugno in faccia da Raimondi lasciando l'Atalanta in dieci è la sua seconda skill migliore all'Inter dopo il gol nel derby.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 4 Ranocchiate
Qualsiasi immagine di Schelotto all'Inter meriterebbe un posto in un museo

A quel punto inizia l'assedio interista. Di cambi in panchina non ne abbiamo quindi puntiamo tutto sul Capitano in attacco (Frog, non Zanetti.. e c'era anche un rigore su di lui) e sulle cannonate di Guarin al terzo verde.Al novantaquattresimo c'è l'ultima azione della partita, discesa del guaro sulla fascia destra, colpisce un difensore, il pallone rotola a caso in direzione del Sommo che è DA SOLO davanti al portiere, ma se ne esce con una ciabattata clamorosa, il pallone non fa nemmeno in tempo a uscire dal campo che l'arbitro fischia la fine della partita.

In tribuna Moratti tira giù una serie di santi che non si vedeva dai tempi di Gresko, così Frog rientra nella cerchia ristretta delle persone che sono riuscite a far bestemmiare il nostro presidentissimo. Intanto mentre Rano è steso a terra distrutto, Schelotto continua a seminare zizzania e tutti incominciano a fare a botte a caso.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 5 Ranocchiate

Non si capisce più niente, era una partita che avevamo in pugno ed è stata buttata via, avremmo potuto vincere tranquillamente...Ma va bene, vediamo dove siamo adesso, sette anni dopo, chiusi in casa ad annoiarci durante una pandemia mondiale.
Che cosa vi avremmo raccontato a quest'ora?GRAZIE MAGICA INTER. #STRAMALA


Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie

7 aprile 2013.

Sette anni fa a San Siro va in scena una delle partite più belle degli ultimi anni.
L'Inter guidata dal suo mitico condottiero Strama si trova tanto per cambiare in Crisi e scende in campo con un avveniristico 3-5-2 con Handa in porta, the wall difensivo con Ranocchia, Samuel, Juan Jesus; centrocampo con Zanetti, Kovacic, Cambiasso, il Guaro e Alvarone Pereira. In attacco calcio champagne con l'esperienza di Rocchi e Cassano.

L'inizio della gara è già emozionante con tantissime occasioni da una parte e dall'altra, ma tutto cambia quando il povero fantantonio si stira un muscolo nel tentativo di fare un colpo di tacco.
Cassano prova a resistere il più possibile ma alla fine deve chiedere il cambio.
A quel punto entra Ricky Alvarez, che tanto per far capire chi comanda spreca una ghiotta occasione davanti al portiere sparandola direttamente in fallo laterale.
Il pubblico di San Siro rumoreggia, ma dopo gli infortuni di Cassano, Palacio e Milito la scelta è letteralmente tra lui o Carrizo punta.

Per fortuna in tutto questo ci pensa l'eterno Tommasone Rocchi a reggere tutto il peso dell'attacco sulle sue spalle.Pochi istanti prima dell'intervallo, con un guizzo su un corner sul primo palo (ah ma allora serve a qualcosa batterli così?) si inventa un gol bellissimo, con uno schema che proveremo a ripetere senza successo per i prossimi 7 anni.
Il nostro secondo Tommasone Pelato preferito raggiunge finalmente quota 100, non solo per la pensione ma anche per i gol in Serie A, esultanza sfrenata, primo gol in nerazzurro e c'è gente che lo ha anche nominato nei "peggiori acquisti" del nostro sondaggio. Mah...L'Inter dunque va a riposo ancora ignara di quello che avrebbero regalato i 45 minuti seguenti (più recupero).

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 6 Ranocchiate
IMMENSO TR18

Una volta rientrati in campo ci pensa il solito incubo Bonaventura a portare il risultato sull'1-1. Cross dell'ex di Livaja (che ci farà pagare a caro prezzo il fatto di averlo venduto, giocando l'unica mezza partita buona della sua vita) per il sosia di Allegri che spunta in mezzo ai nostri tre difensori e trafigge il povero Handanovic.

Nemmeno il tempo di urlare CRISIII INTEEEER che entra in scena un altro degli eroi di questa serata magica, RA11 Maravilla. Fino a quel momento stava passeggiando in campo beccandosi fischi in stile Supermario vs Barça, ma a un certo punto il VERO MARAVILLA approfitta di un momento di confusione totale nella difesa dell'Atalanta per fare un gollonzo stranissimo di testa su un uscita di Polito (secondo portiere dell'Atalanta..è esistito davvero, fidateve).
Partita raddrizzata con Ricky che esulta polemicamente sotto la curva nord, e a quel punto è esaltatissimo e si inventa anche il gol del 3-1. Semina il panico con le sue finte e dribbling a caso (aaaah com'era bravo il nostro Riccardino a seminare il panico) e batte per la seconda volta Polito.

La curva nord a questo punto si toglie il cappello di fronte al nostro Maravilla (Sanchez chi?!?!?!?)3-1 facile e tutti a casa.

Ah già.
Siamo l'Inter.
Cazzo.

Beh a questo punto dopo l'over 2.5 e l'infortunio in attacco entra in scena un altro grande classico dell'Inter di Strama, cioè: L'ERRORE ARBITRALE.

Livaja esce le lame totalmente a caso buttando giù Frog in area di rigore (la nostra eh, sia chiaro) e violentandolo ripetutamente. L'arbitro totalmente a caso decide di assegnare il rigore.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 7 Ranocchiate

A questo punto arriva una vecchia conoscenza, German Denis, che segna il 3-2.
E il 3-3.
E il 3-4.
Per favore Tanque fermati siamo già morti.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 8 Ranocchiate

Lo so che quanto vi abbiamo già raccontato sembra già abbastanza assurdo ma fin qui eravamo ancora tranquilli, è da questo momento in poi che comincia proprio IL DELIRIO.

Tanto per cominciare entra Schelotto e così per dimostrare che nello scambio Galgo-Livaja ci abbiamo guadagnato noi inizia anche lui a prendere a pugni giocatori atalantini a caso. Farsi dare un pugno in faccia da Raimondi lasciando l'Atalanta in dieci è la sua seconda skill migliore all'Inter dopo il gol nel derby.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 9 Ranocchiate
Qualsiasi immagine di Schelotto all'Inter meriterebbe un posto in un museo

A quel punto inizia l'assedio interista. Di cambi in panchina non ne abbiamo quindi puntiamo tutto sul Capitano in attacco (Frog, non Zanetti.. e c'era anche un rigore su di lui) e sulle cannonate di Guarin al terzo verde.Al novantaquattresimo c'è l'ultima azione della partita, discesa del guaro sulla fascia destra, colpisce un difensore, il pallone rotola a caso in direzione del Sommo che è DA SOLO davanti al portiere, ma se ne esce con una ciabattata clamorosa, il pallone non fa nemmeno in tempo a uscire dal campo che l'arbitro fischia la fine della partita.

In tribuna Moratti tira giù una serie di santi che non si vedeva dai tempi di Gresko, così Frog rientra nella cerchia ristretta delle persone che sono riuscite a far bestemmiare il nostro presidentissimo. Intanto mentre Rano è steso a terra distrutto, Schelotto continua a seminare zizzania e tutti incominciano a fare a botte a caso.

Inter-Atalanta tra rigori, risse, triplette e follie 10 Ranocchiate

Non si capisce più niente, era una partita che avevamo in pugno ed è stata buttata via, avremmo potuto vincere tranquillamente...Ma va bene, vediamo dove siamo adesso, sette anni dopo, chiusi in casa ad annoiarci durante una pandemia mondiale.
Che cosa vi avremmo raccontato a quest'ora?GRAZIE MAGICA INTER. #STRAMALA


Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram