Inter-Atalanta, il pagellone di Maksim Jovanovic

HANDANOVIC 6: con l'assenza di Icardi è lui il terminale di tutte le azioni della squadra. Punizione in attacco? palla a Samir. Pressing degli avversari? Palla a Samir. Corner per noi? PALLA A SAMIR.
Handa smista i palloni con la tranquillità di un fattorino in mezzo al traffico dell'ora di punta, basandosi su tre semplicissimi schemi:

1) palla ad Asamoah o D'Ambrosio

2) palla lunga a cazzo di cane

3) pallone corto per Miranda, con l'arbitro che fa ripetere perché deve uscire dall'area (ultimamente succede almeno una volta a partita)

Un altro must di questo periodo di anarchia militare slovena sono i dribbling sulla linea di porta contro gli attaccanti avversari. Prima o poi ci sentiremo male in tribuna, ma Handa a quanto pare è di ghiaccio quindi bella per lui.
ah già in tutto questo ha fatto ZERO parate, non ci sono più gli Inter-Atalanta di una volta.

ASAMOAH 6: Dopo tanti anni alla Juve credevo che avrebbe avuto difficoltà ad ambientarsi all'Inter, invece ci sta riuscendo alla perfezione. A parte l'interpretazione fuori dagli schemi del ruolo di terzino sinistro, come solo noi sappiamo fare, la cosa più emozionante è che ogni azione di Asa è incredibilmente faticosa e tragica. Ogni suo movimento in campo è avvolto da quel pathos per cui da un momento all'altro potrebbe accadere qualcosa di molto brutto, o anche di molto bello. Di solito alla fine non succede niente, però l'idea è emozionante lo stesso.

MIRANDA 6: Premesso che ogni minuto in campo di Joao il Brutto equivale a un minuto in meno per il nostro Capitan Froggy, il povero Mirandone non deve fare i conti solo con questa nostra quotidiana dose di (quasi) immotivato rancore, ma anche con il pesantissimo termine di paragone con Joao il Bello.
Provateci voi a vivere con l'etichetta de "il Brutto", come Polifemo, Quasimodo o la Creatura di Frankenstein.
Meglio viverci un giorno da Joaoilbello che cento da Joaoilbrutto.

SKRINIAR 6: Terza partita senza De Vrij e i problemi iniziano a farsi sempre più grossi. Sudorazione, irritazione cutanea, fauci, secchezza delle fauci, capogiri, vista annebbiata, battito cardiaco accelerato, eritema, eczema, Belfodil il nuovo Benzema, e poi ancora sbalzi di umore, cali di libido, picchi di libido, inappetenza, sonnolenza o insonnia. Sono solo alcuni degli effetti collaterali del povero Skrigno. Urge una dose di Amore Stefanoso al più presto.
E' un medicinale che può fhghjkjfhgjfhgkfhgkhghkentamente il foglio illustrativo.

 D'AMBROSIO 6: Sufficienza dolorosissima da dare, come una pallonata nelle parti basse al 93' al Derby, però alla fine 0-0 in casa contro l'Atalanta, ragazzi, ripeto quello che ho detto prima: ma quando mai si è visto? mi aspettavo già un 3-4 pirotecnico con gol di Rocchi, doppietta di Alvarez e tripletta del Tanque Denis. Ha tenuto pure il Papu Gomez. Ringraziamo solo che il Papu sia più basso di Politano e non sia arrivato su quel pallone. No aspettate ma Gomez è davvero più basso di Polipoli? Dovremmo controllare

GAGLIARDINI 6: Classica giornata di compleanno, in cui è tutto banale e normale come ogni altro santo giorno, però boh è il tuo compleanno quindi c'è sempre quell'atmosfera un po' speciale in qualsiasi cosa tu faccia. Che può essere un lancio alla Gerrardini o un doppio assist per Ilicic.
Dopotutto (escluso il derby in trasferta) sono 3 partite che non segniamo a San Siro e l'ultimo gol lo aveva fatto sempre lui contro la Spal. Vorrà dire qualcosa, no?
Nel dubbio POTA forte sempre.

BROZOVIC 10: RIPRENDITI EPIC SIAMO PERSI SENZA DI TE. LETTERALMENTE. Ho visto Miranda e D'Ambrosio metterci 90 secondi per battere una punizione sulla nostra trequarti perché non sapevano letteralmente a chi darla. Batti tu? Batto io? No aspetta a chi cazzo la passo?
Sembrava che fossimo avanti 1-0 al 101' in finale ai Mondiali invece era un semplice 0-0 in casa nel primo tempo.
Alla fine, se ve lo state chiedendo, nel dubbio hanno fatto la solita sventagliata a cazzo verso Asamoah. Che tra poco la perdeva anche.

Le idee dell'Inter senza Brozovic sono le famose "poche idee e tutte sbagliate", al punto che dopo quasi 2 anni di lavoro di Spalletti mi viene da pensare che tutte le sue energie le abbia investite sulla trasformazione di Brozovic, e alla fine tutto il suo risultato consista in quello.

Ok ma per tutti gli altri 70 minuti di partita che cazzo fac....TRASFORMAZIONE DI BROZOVIC. Ah, ok.

VECINO 6: Riproposto nella versione trequartista-charruo come nel derby, deve ritornare indietro a causa dell'infortunio di Brate Marcelo. Qualcosa di bello in quel ruolo lo ha fatto anche stavolta, ma per troppo poco tempo per toglierci il dubbio. Così staremo ancora a chiederci SI MA QUINDI CHE RUOLO HA? Trequartista? non lo sapremo mai. Gioca bene ma senza prova del 9, o dell'8.

Un po' come la maglia mashup speciale: Porta sfiga? o forse no? Abbiamo vinto nel derby, però poi abbiamo perso contro la Lazio. Però abbiamo pareggiato oggi! Quindi cosa ci rappresenta sto pareggio? È cosa buona o no?
AIUTO NON SO PIU' COSA PENSARE, PERCHE' DEVE ESSERE TUTTO COSI' DIFFICILE PER NOI INTERISTI AAAAAAAAAAAAAAAH

*stramazza al suolo*

NAINGGOLAN 6:
-"Oh Radja so che non era nei piani, ma per caso puoi entrare in campo anche oggi? Noi si deve fare i conti con l'infortunio di Brozo.."
-"Aò mister ma nun è umiliante che me lo deve chiede così ogni vorta? Va bé dai oggi me la sento bene, mi sa che un'oretta in campo la posso pure fà, ma non si aspetti chissà che cosa che sto ancora in botta da ieri sera"

POLITANO 6: Ok allora Politano è 1.71 mentre il Papu Gomez è 1.65 AIUTO CHE PICCOLOO

Oggi in via del tutto eccezionale esce al 77' e sono proprio quei 7 minutini in più che gli sono fatali

KEITA BALDE MIAO 6: MOLTA MITTANZA IN QUESTI 14 MINUTI. Totalmente inutili ma proprio per questo Mitt.
Attenzione perché può darci ancora qualcosa questo ragazzo. Spalletti non ha ancora capito che non lo riscattiamo, quindi lo fa ancora entrare, a differenza del Minibello Cedric. Lui è già da parecchio tempo che non lo vediamo 🙁

BORJA VALERO 6: negli ultimi minuti ha detto la sua e ha portato un po' di neuroni attivi e abituati a ragionare in campo. Pensiamoci come soluzione per il sostituto di Brozo, anche se non so con quale tenuta fisica. Ma almeno i piedi buoni li ha.

No scherzo torna presto Brozo ti prego, l'ho già detto che siamo persi senza di te? :(((((

PERISIC 6: 31 MARZO 2018, è passato ormai un anno, da quel famoso Inter-Hellas.
Dopo 36 secondi c'è una rimessa laterale sulla fascia sinistra, Perisic anticipa tutti battendola in frettissima, assist diretto a Icardi che la mette in rete. (Cioé questi si facevano il #PerisicToIcardi pure con le mani, vi rendete conto che razza di matti che sono).

Comunque, ormai un anno dopo, ovviamente non è mai più ricapitato di fare un'occasione pericolosa in questo modo, MA PERISIC SI È FISSATO E CONTINUA A BULLIZZARE STI POVERI RACCATTAPALLE PER BATTERE OGNI MALEDETTA RIMESSA IN FRETTA E FURIA.

DIO SANTO IVAN SONO BAMBINI DI 10 ANNI LASCIALI VIVERE IN PACE POVERINI.

Ieri ci siamo ritrovati con Asamoah a centrocampo che aveva già battuto la rimessa laterale, e Perry lì per i cazzi suoi sulla trequarti con la palla tra le mani "oh Mauro te la tiro veloce che non se ne accorge nessuno". NO ADESSO ANCHE BASTA.

MAKSIM JOVANOVIC 6: È andata, anche lo scoglio San Siro è superato. Tra la curva che lo fischiava, il resto dello stadio che fischiava la curva che lo fischiava, "uomo di merda", "vai Mauro", a prescindere da quale sia il vostro credo Icardiano, la realtà dei fatti è che NON SE NE È ACCORTO NESSUNO.

Da mercoledì a ieri Maksim ha fatto delle sessioni intensive tra palestra, parrucchiere e sala tatuaggi.
Il risultato era perfetto: uguale identico a Icardi.

Maksim era preoccupatissimo, "Mister ma io non so giocare, se poi se ne accorgono?" ma Spalletti e compagni lo hanno tranquillizzato, "Tranquillo Brate, tu NON FARE NULLA. Vedrai che andrà benissimo".

"Ma proprio nulla nulla?"

"NULLA NULLA".

Sfido qualcuno ad accorgersi del trucco di Maksim. Chiedetelo oggi ai vostri amici, per curiosità, se hanno notato qualcosa di strano in Maurito. Solo gli accaniti lettori di Ranocchiate conoscono la Verità. tutti gli altri resteranno nella menzogna, chissà per quanto.

Inter-Atalanta, il pagellone di Maksim Jovanovic 1 Ranocchiate
Prova schiacciante: ecco Perisic pochi giorni fa insieme al barbiere di fiducia (tra gli altri) di Mauro Icardi.
Come mai questo incontro?
Beh, lui è l'unico che sa riprodurre alla perfezione il look dell'ex portatore illegittimo di fascia, anche replicandolo su un sosia croato.

SPALLETTI 6: Scherzavo prima: Oltre alla trasformazione di Brozovic, Lucianone ci ha portato anche una fase difensiva decente. SARO' RIPETITIVO MA 0-0 CON L'ATALANTA. UNDER 4.5 A SAN SIRO, Ma da quando? Ma dove? Io ero rimasto ancora ai 4-3 con gol di tacco di Ibrahimovic che diventa capocannoniere.
Purtroppo sarebbe stato bello vincere e andare a +7, ma lo sappiamo bene che ci toccherà soffrire in campo, allo stadio e sul divano di casa fino a Inter-Empoli a maggio.

A parte che anche con un +7, conoscendoci, sarebbe stata ancora apertissima.

Oggi doveva uscire fuori qualche risultato pirotecnico, invece gli unici fuochi d'artificio li farà Maksim Jovanovic insieme alla sua nuova mogliettina.

Inter-Atalanta, il pagellone di Maksim Jovanovic

HANDANOVIC 6: con l'assenza di Icardi è lui il terminale di tutte le azioni della squadra. Punizione in attacco? palla a Samir. Pressing degli avversari? Palla a Samir. Corner per noi? PALLA A SAMIR.
Handa smista i palloni con la tranquillità di un fattorino in mezzo al traffico dell'ora di punta, basandosi su tre semplicissimi schemi:

1) palla ad Asamoah o D'Ambrosio

2) palla lunga a cazzo di cane

3) pallone corto per Miranda, con l'arbitro che fa ripetere perché deve uscire dall'area (ultimamente succede almeno una volta a partita)

Un altro must di questo periodo di anarchia militare slovena sono i dribbling sulla linea di porta contro gli attaccanti avversari. Prima o poi ci sentiremo male in tribuna, ma Handa a quanto pare è di ghiaccio quindi bella per lui.
ah già in tutto questo ha fatto ZERO parate, non ci sono più gli Inter-Atalanta di una volta.

ASAMOAH 6: Dopo tanti anni alla Juve credevo che avrebbe avuto difficoltà ad ambientarsi all'Inter, invece ci sta riuscendo alla perfezione. A parte l'interpretazione fuori dagli schemi del ruolo di terzino sinistro, come solo noi sappiamo fare, la cosa più emozionante è che ogni azione di Asa è incredibilmente faticosa e tragica. Ogni suo movimento in campo è avvolto da quel pathos per cui da un momento all'altro potrebbe accadere qualcosa di molto brutto, o anche di molto bello. Di solito alla fine non succede niente, però l'idea è emozionante lo stesso.

MIRANDA 6: Premesso che ogni minuto in campo di Joao il Brutto equivale a un minuto in meno per il nostro Capitan Froggy, il povero Mirandone non deve fare i conti solo con questa nostra quotidiana dose di (quasi) immotivato rancore, ma anche con il pesantissimo termine di paragone con Joao il Bello.
Provateci voi a vivere con l'etichetta de "il Brutto", come Polifemo, Quasimodo o la Creatura di Frankenstein.
Meglio viverci un giorno da Joaoilbello che cento da Joaoilbrutto.

SKRINIAR 6: Terza partita senza De Vrij e i problemi iniziano a farsi sempre più grossi. Sudorazione, irritazione cutanea, fauci, secchezza delle fauci, capogiri, vista annebbiata, battito cardiaco accelerato, eritema, eczema, Belfodil il nuovo Benzema, e poi ancora sbalzi di umore, cali di libido, picchi di libido, inappetenza, sonnolenza o insonnia. Sono solo alcuni degli effetti collaterali del povero Skrigno. Urge una dose di Amore Stefanoso al più presto.
E' un medicinale che può fhghjkjfhgjfhgkfhgkhghkentamente il foglio illustrativo.

 D'AMBROSIO 6: Sufficienza dolorosissima da dare, come una pallonata nelle parti basse al 93' al Derby, però alla fine 0-0 in casa contro l'Atalanta, ragazzi, ripeto quello che ho detto prima: ma quando mai si è visto? mi aspettavo già un 3-4 pirotecnico con gol di Rocchi, doppietta di Alvarez e tripletta del Tanque Denis. Ha tenuto pure il Papu Gomez. Ringraziamo solo che il Papu sia più basso di Politano e non sia arrivato su quel pallone. No aspettate ma Gomez è davvero più basso di Polipoli? Dovremmo controllare

GAGLIARDINI 6: Classica giornata di compleanno, in cui è tutto banale e normale come ogni altro santo giorno, però boh è il tuo compleanno quindi c'è sempre quell'atmosfera un po' speciale in qualsiasi cosa tu faccia. Che può essere un lancio alla Gerrardini o un doppio assist per Ilicic.
Dopotutto (escluso il derby in trasferta) sono 3 partite che non segniamo a San Siro e l'ultimo gol lo aveva fatto sempre lui contro la Spal. Vorrà dire qualcosa, no?
Nel dubbio POTA forte sempre.

BROZOVIC 10: RIPRENDITI EPIC SIAMO PERSI SENZA DI TE. LETTERALMENTE. Ho visto Miranda e D'Ambrosio metterci 90 secondi per battere una punizione sulla nostra trequarti perché non sapevano letteralmente a chi darla. Batti tu? Batto io? No aspetta a chi cazzo la passo?
Sembrava che fossimo avanti 1-0 al 101' in finale ai Mondiali invece era un semplice 0-0 in casa nel primo tempo.
Alla fine, se ve lo state chiedendo, nel dubbio hanno fatto la solita sventagliata a cazzo verso Asamoah. Che tra poco la perdeva anche.

Le idee dell'Inter senza Brozovic sono le famose "poche idee e tutte sbagliate", al punto che dopo quasi 2 anni di lavoro di Spalletti mi viene da pensare che tutte le sue energie le abbia investite sulla trasformazione di Brozovic, e alla fine tutto il suo risultato consista in quello.

Ok ma per tutti gli altri 70 minuti di partita che cazzo fac....TRASFORMAZIONE DI BROZOVIC. Ah, ok.

VECINO 6: Riproposto nella versione trequartista-charruo come nel derby, deve ritornare indietro a causa dell'infortunio di Brate Marcelo. Qualcosa di bello in quel ruolo lo ha fatto anche stavolta, ma per troppo poco tempo per toglierci il dubbio. Così staremo ancora a chiederci SI MA QUINDI CHE RUOLO HA? Trequartista? non lo sapremo mai. Gioca bene ma senza prova del 9, o dell'8.

Un po' come la maglia mashup speciale: Porta sfiga? o forse no? Abbiamo vinto nel derby, però poi abbiamo perso contro la Lazio. Però abbiamo pareggiato oggi! Quindi cosa ci rappresenta sto pareggio? È cosa buona o no?
AIUTO NON SO PIU' COSA PENSARE, PERCHE' DEVE ESSERE TUTTO COSI' DIFFICILE PER NOI INTERISTI AAAAAAAAAAAAAAAH

*stramazza al suolo*

NAINGGOLAN 6:
-"Oh Radja so che non era nei piani, ma per caso puoi entrare in campo anche oggi? Noi si deve fare i conti con l'infortunio di Brozo.."
-"Aò mister ma nun è umiliante che me lo deve chiede così ogni vorta? Va bé dai oggi me la sento bene, mi sa che un'oretta in campo la posso pure fà, ma non si aspetti chissà che cosa che sto ancora in botta da ieri sera"

POLITANO 6: Ok allora Politano è 1.71 mentre il Papu Gomez è 1.65 AIUTO CHE PICCOLOO

Oggi in via del tutto eccezionale esce al 77' e sono proprio quei 7 minutini in più che gli sono fatali

KEITA BALDE MIAO 6: MOLTA MITTANZA IN QUESTI 14 MINUTI. Totalmente inutili ma proprio per questo Mitt.
Attenzione perché può darci ancora qualcosa questo ragazzo. Spalletti non ha ancora capito che non lo riscattiamo, quindi lo fa ancora entrare, a differenza del Minibello Cedric. Lui è già da parecchio tempo che non lo vediamo 🙁

BORJA VALERO 6: negli ultimi minuti ha detto la sua e ha portato un po' di neuroni attivi e abituati a ragionare in campo. Pensiamoci come soluzione per il sostituto di Brozo, anche se non so con quale tenuta fisica. Ma almeno i piedi buoni li ha.

No scherzo torna presto Brozo ti prego, l'ho già detto che siamo persi senza di te? :(((((

PERISIC 6: 31 MARZO 2018, è passato ormai un anno, da quel famoso Inter-Hellas.
Dopo 36 secondi c'è una rimessa laterale sulla fascia sinistra, Perisic anticipa tutti battendola in frettissima, assist diretto a Icardi che la mette in rete. (Cioé questi si facevano il #PerisicToIcardi pure con le mani, vi rendete conto che razza di matti che sono).

Comunque, ormai un anno dopo, ovviamente non è mai più ricapitato di fare un'occasione pericolosa in questo modo, MA PERISIC SI È FISSATO E CONTINUA A BULLIZZARE STI POVERI RACCATTAPALLE PER BATTERE OGNI MALEDETTA RIMESSA IN FRETTA E FURIA.

DIO SANTO IVAN SONO BAMBINI DI 10 ANNI LASCIALI VIVERE IN PACE POVERINI.

Ieri ci siamo ritrovati con Asamoah a centrocampo che aveva già battuto la rimessa laterale, e Perry lì per i cazzi suoi sulla trequarti con la palla tra le mani "oh Mauro te la tiro veloce che non se ne accorge nessuno". NO ADESSO ANCHE BASTA.

MAKSIM JOVANOVIC 6: È andata, anche lo scoglio San Siro è superato. Tra la curva che lo fischiava, il resto dello stadio che fischiava la curva che lo fischiava, "uomo di merda", "vai Mauro", a prescindere da quale sia il vostro credo Icardiano, la realtà dei fatti è che NON SE NE È ACCORTO NESSUNO.

Da mercoledì a ieri Maksim ha fatto delle sessioni intensive tra palestra, parrucchiere e sala tatuaggi.
Il risultato era perfetto: uguale identico a Icardi.

Maksim era preoccupatissimo, "Mister ma io non so giocare, se poi se ne accorgono?" ma Spalletti e compagni lo hanno tranquillizzato, "Tranquillo Brate, tu NON FARE NULLA. Vedrai che andrà benissimo".

"Ma proprio nulla nulla?"

"NULLA NULLA".

Sfido qualcuno ad accorgersi del trucco di Maksim. Chiedetelo oggi ai vostri amici, per curiosità, se hanno notato qualcosa di strano in Maurito. Solo gli accaniti lettori di Ranocchiate conoscono la Verità. tutti gli altri resteranno nella menzogna, chissà per quanto.

Inter-Atalanta, il pagellone di Maksim Jovanovic 2 Ranocchiate
Prova schiacciante: ecco Perisic pochi giorni fa insieme al barbiere di fiducia (tra gli altri) di Mauro Icardi.
Come mai questo incontro?
Beh, lui è l'unico che sa riprodurre alla perfezione il look dell'ex portatore illegittimo di fascia, anche replicandolo su un sosia croato.

SPALLETTI 6: Scherzavo prima: Oltre alla trasformazione di Brozovic, Lucianone ci ha portato anche una fase difensiva decente. SARO' RIPETITIVO MA 0-0 CON L'ATALANTA. UNDER 4.5 A SAN SIRO, Ma da quando? Ma dove? Io ero rimasto ancora ai 4-3 con gol di tacco di Ibrahimovic che diventa capocannoniere.
Purtroppo sarebbe stato bello vincere e andare a +7, ma lo sappiamo bene che ci toccherà soffrire in campo, allo stadio e sul divano di casa fino a Inter-Empoli a maggio.

A parte che anche con un +7, conoscendoci, sarebbe stata ancora apertissima.

Oggi doveva uscire fuori qualche risultato pirotecnico, invece gli unici fuochi d'artificio li farà Maksim Jovanovic insieme alla sua nuova mogliettina.

Ultimi articoli

27/09/2020
Inter-Fiorentina, il pagellone del VAE VICTIS

HANDANOVIC 6: Handa ai compagni nel pre-partita: "ragazzi questo è il nostro anno, finalmente possiamo vincere il campionato, è da una vita che aspetto questo momento. Siamo cresciuti, siamo maturi, non siamo più quelli del passato. Andiamo lì fuori e dimostriamolo." E dopo tre minuti Kouamé e Bonaventura varcano insieme la linea di porta mano […]

26/09/2020
Inter - Fiorentina nel tempo di un caffè

Poteva esserci qualcosa di più interista di vedere l’esordio dell’Inter a Bergamo contro la Fiorentina di camerata Biraghi? Primo tempo 0’ - Incredibile. Siamo ancora qui.Non sembra manco passata un’estate, forse perché effettivamente non lo è. 2’ - Cross di Perisic. Camilla e già in visibilio. 3’ - Gol della Fiorentina.Partito da un cross di […]

26/09/2020
10 cose più probabili di una vittoria alla prima in campionato contro la Fiorentina

10 - Non subire il gol dell'ex da Candreva alla prima occasione utile 9 - Affrontare il possibile trasferimento del Sommo con serenità e maturità (NO ANDREA NON LASCIARCIIII :'( :'( ) 8 - Pareggiare all'esordio in campionato 7 - Scoperta la causa della generosità dell'Inter nei confronti del Cagliari: Zhang e Giulini hanno una […]

23/09/2020
I 10 tipi di Interista precampionato

Cari amici di Ranocchiate, il campionato è ricominciato. Noi, tipi strani fino all'ultimo, dobbiamo però ancora fare il nostro esordio: la seconda partita del campionato sarà la nostra prima e viceversa con il prossimo turno.Niente di che a pensarci, un banale prolungamento del tempo di riposo considerato che poco più di un mese fa giocavamo […]

19/09/2020
Inter-Pisa, la partita segreta nel tempo di un caffé

Oggi in concomitanza con la prima giornata di Serie A (CHE NOIAAAAAA MA CHI SE NE FREGAAAA) è andata in scena una partita molto più importante, ma purtroppo i poteri forti hanno deciso di oscurarla. Per fortuna i 1000 tifosi interisti che hanno avuto l'occasione di tornare a San Siro potranno raccontarla... MA NON NOI, […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram