20/11/2017

Il Davide, il Mauro e il Big Luciano

Cari amici di Ranocchiate, se le pause per le nazionali già di per sé dovrebbero essere abolite per un soggetto dipendente dalla Serie A come il sottoscritto, questa pausa sarebbe dovuta essere illegale.

Questa cosa che ci sia una domenica in cui non si giochi il campionato mi spiazza e mi fa capire perché persino Dio si riposò proprio il settimo giorno: non avrà avuto granché da fare la domenica nemmeno lui senza il campionato.

Le mie crisi di astinenza peggioravano giorno dopo giorno: ho commentato così tante volte la nazionale negli ultimi giorni che per poco non mi assumevano come opinionista sportivo; ma si sa, i soliti poteri forti hanno bloccato tutto.

Il periodo di riposo ha permesso a Spalletti di valutare al meglio le alternative in vista dell’Atalanta e lui, da grande prestigiatore quale sa essere, ha confezionato un numero degno di Houdini.

Il numero si chiama “schieroqualunqueterzinotrannedalbert”: consiste nello schierare terzini sulla carta indecenti per poi trasformarli in valorosi soldati del nostro plotone.

Il nostro santone ha iniziato redimendo Nagatomo per poi portare sulla retta via uno di quei giocatori che a volte dimentico persino sia ancora in rosa: Davide SANTON(e), per l’appunto.

Avete presente il bambino prodigio lanciato da Mourinho come titolare in Champion’s League a soli 18 anni, che marcò Cristiano Ronaldo come fosse un novello Maldini? Quello di cui non avete più sentito parlare da quella volta?

Ecco, ora di anni ne ha 26 ed è tutt’ora un giocatore da cui qualunque interista che si rispetti si aspetta che possa esplodere da un momento all’altro: lui, però, è ahimè affetto da un gravissimo morbo da ormai troppo tempo, il “Morbo di De Sciglio”.

Il Morbo di De Sciglio è un’implacabile malattia che colpisce i tanto giovani quanto promettenti terzini sinistri, che dimostrano ottime potenzialità da giovani ma che finiscono poi per giocare sempre peggio col passare degli anni: è un morbo dilagante che ha colpito tantissimi calciatori come Dodò, Biraghi, Miangue e tanti altri.

Ma se De Sciglio è la malattia, Spalletti è la cura e lancia senza paura Davide in campo.

Che poi ormai mi ero affezionato all’idea di Nagatomo titolare, ma vabbè.

Escluso questo innesto, gli altri 10 sono i soliti che sono scesi in campo nelle ultime partite, l’Atalanta invece, guidata da Gianpiero “nonlatengo” Gasperini, ex dal dente avvelenato, schiera a sorpresa Ilicic al posto di Petagna: si, proprio quell’Ilicic che ogni volta che ha giocato contro di noi ha sfoderato delle prestazioni incredibili; ultimati gli scongiuri pre-partita, si comincia.

A levarci le Castagne (chiedo umilmente scusa per il pessimo gioco di parole) dal fuoco ci pensa il solito Maurito, siglando due gol di testa in una partita in cui in effetti, giocare “con la testa” è stato fondamentale.

L’Atalanta ha prodotto gioco come sempre, ma non riuscendo quasi mai ad essere eccessivamente pericolosi: il merito va all’ottima prestazione dei soliti noti, di un Davidino ordinato e propositivo, ma nella giornata in cui è certamente Mauro ad essere sotto i riflettori, voglio spezzare una lancia nei confronti del terzino più bistrattato d’Italia (beh si, dopo Abate, ma lui è scarso davvero), ovvero Danilo D’Ambrosio.

Se qualcuno ha beneficiato più degli altri della cura Spalletti quest’uomo è certamente D’Ambrosio: si, non sarà bello da vedere, non saprà saltare in dribbling un giocatore dopo l’altro, ma esegue il compito assegnato da Big Luciano come solo un valido soldato saprebbe fare, condendo la prestazione con un assist di sinistro, il suo piede debole (e dire che anche l’altro è quello che è).

Menzione speciale anche per Candreva, dopo una settimana in cui anche troppe volte ho sentito parlare dei cross a vuoto eseguiti contro la Svezia: Antonio è così, lui crossa, poi non sono affari suoi se i cross sono belli o meno, quello è compito degli attaccanti; scherzi a parte, il cross su punizione per l’1-0 di Mauro è una giocata che un giocatore del suo calibro può e deve regalarci più spesso.

Inter, mi sei mancata troppo. Non separiamoci mai più, ok?

 

Il Davide, il Mauro e il Big Luciano

Cari amici di Ranocchiate, se le pause per le nazionali già di per sé dovrebbero essere abolite per un soggetto dipendente dalla Serie A come il sottoscritto, questa pausa sarebbe dovuta essere illegale.

Questa cosa che ci sia una domenica in cui non si giochi il campionato mi spiazza e mi fa capire perché persino Dio si riposò proprio il settimo giorno: non avrà avuto granché da fare la domenica nemmeno lui senza il campionato.

Le mie crisi di astinenza peggioravano giorno dopo giorno: ho commentato così tante volte la nazionale negli ultimi giorni che per poco non mi assumevano come opinionista sportivo; ma si sa, i soliti poteri forti hanno bloccato tutto.

Il periodo di riposo ha permesso a Spalletti di valutare al meglio le alternative in vista dell’Atalanta e lui, da grande prestigiatore quale sa essere, ha confezionato un numero degno di Houdini.

Il numero si chiama “schieroqualunqueterzinotrannedalbert”: consiste nello schierare terzini sulla carta indecenti per poi trasformarli in valorosi soldati del nostro plotone.

Il nostro santone ha iniziato redimendo Nagatomo per poi portare sulla retta via uno di quei giocatori che a volte dimentico persino sia ancora in rosa: Davide SANTON(e), per l’appunto.

Avete presente il bambino prodigio lanciato da Mourinho come titolare in Champion’s League a soli 18 anni, che marcò Cristiano Ronaldo come fosse un novello Maldini? Quello di cui non avete più sentito parlare da quella volta?

Ecco, ora di anni ne ha 26 ed è tutt’ora un giocatore da cui qualunque interista che si rispetti si aspetta che possa esplodere da un momento all’altro: lui, però, è ahimè affetto da un gravissimo morbo da ormai troppo tempo, il “Morbo di De Sciglio”.

Il Morbo di De Sciglio è un’implacabile malattia che colpisce i tanto giovani quanto promettenti terzini sinistri, che dimostrano ottime potenzialità da giovani ma che finiscono poi per giocare sempre peggio col passare degli anni: è un morbo dilagante che ha colpito tantissimi calciatori come Dodò, Biraghi, Miangue e tanti altri.

Ma se De Sciglio è la malattia, Spalletti è la cura e lancia senza paura Davide in campo.

Che poi ormai mi ero affezionato all’idea di Nagatomo titolare, ma vabbè.

Escluso questo innesto, gli altri 10 sono i soliti che sono scesi in campo nelle ultime partite, l’Atalanta invece, guidata da Gianpiero “nonlatengo” Gasperini, ex dal dente avvelenato, schiera a sorpresa Ilicic al posto di Petagna: si, proprio quell’Ilicic che ogni volta che ha giocato contro di noi ha sfoderato delle prestazioni incredibili; ultimati gli scongiuri pre-partita, si comincia.

A levarci le Castagne (chiedo umilmente scusa per il pessimo gioco di parole) dal fuoco ci pensa il solito Maurito, siglando due gol di testa in una partita in cui in effetti, giocare “con la testa” è stato fondamentale.

L’Atalanta ha prodotto gioco come sempre, ma non riuscendo quasi mai ad essere eccessivamente pericolosi: il merito va all’ottima prestazione dei soliti noti, di un Davidino ordinato e propositivo, ma nella giornata in cui è certamente Mauro ad essere sotto i riflettori, voglio spezzare una lancia nei confronti del terzino più bistrattato d’Italia (beh si, dopo Abate, ma lui è scarso davvero), ovvero Danilo D’Ambrosio.

Se qualcuno ha beneficiato più degli altri della cura Spalletti quest’uomo è certamente D’Ambrosio: si, non sarà bello da vedere, non saprà saltare in dribbling un giocatore dopo l’altro, ma esegue il compito assegnato da Big Luciano come solo un valido soldato saprebbe fare, condendo la prestazione con un assist di sinistro, il suo piede debole (e dire che anche l’altro è quello che è).

Menzione speciale anche per Candreva, dopo una settimana in cui anche troppe volte ho sentito parlare dei cross a vuoto eseguiti contro la Svezia: Antonio è così, lui crossa, poi non sono affari suoi se i cross sono belli o meno, quello è compito degli attaccanti; scherzi a parte, il cross su punizione per l’1-0 di Mauro è una giocata che un giocatore del suo calibro può e deve regalarci più spesso.

Inter, mi sei mancata troppo. Non separiamoci mai più, ok?

 

Ultimi articoli

27/09/2020
Inter-Fiorentina, il pagellone del VAE VICTIS

HANDANOVIC 6: Handa ai compagni nel pre-partita: "ragazzi questo è il nostro anno, finalmente possiamo vincere il campionato, è da una vita che aspetto questo momento. Siamo cresciuti, siamo maturi, non siamo più quelli del passato. Andiamo lì fuori e dimostriamolo." E dopo tre minuti Kouamé e Bonaventura varcano insieme la linea di porta mano […]

26/09/2020
Inter - Fiorentina nel tempo di un caffè

Poteva esserci qualcosa di più interista di vedere l’esordio dell’Inter a Bergamo contro la Fiorentina di camerata Biraghi? Primo tempo 0’ - Incredibile. Siamo ancora qui.Non sembra manco passata un’estate, forse perché effettivamente non lo è. 2’ - Cross di Perisic. Camilla e già in visibilio. 3’ - Gol della Fiorentina.Partito da un cross di […]

26/09/2020
10 cose più probabili di una vittoria alla prima in campionato contro la Fiorentina

10 - Non subire il gol dell'ex da Candreva alla prima occasione utile 9 - Affrontare il possibile trasferimento del Sommo con serenità e maturità (NO ANDREA NON LASCIARCIIII :'( :'( ) 8 - Pareggiare all'esordio in campionato 7 - Scoperta la causa della generosità dell'Inter nei confronti del Cagliari: Zhang e Giulini hanno una […]

23/09/2020
I 10 tipi di Interista precampionato

Cari amici di Ranocchiate, il campionato è ricominciato. Noi, tipi strani fino all'ultimo, dobbiamo però ancora fare il nostro esordio: la seconda partita del campionato sarà la nostra prima e viceversa con il prossimo turno.Niente di che a pensarci, un banale prolungamento del tempo di riposo considerato che poco più di un mese fa giocavamo […]

19/09/2020
Inter-Pisa, la partita segreta nel tempo di un caffé

Oggi in concomitanza con la prima giornata di Serie A (CHE NOIAAAAAA MA CHI SE NE FREGAAAA) è andata in scena una partita molto più importante, ma purtroppo i poteri forti hanno deciso di oscurarla. Per fortuna i 1000 tifosi interisti che hanno avuto l'occasione di tornare a San Siro potranno raccontarla... MA NON NOI, […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram