Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata

L'avventura di Livaja all'Inter comincia in Primavera con la Next Gen vinta con Strama <3 .
Infatti tra i ragazzi di quella rosa non ce n'è uno che farà una bella carriera.

Strama l'anno dopo diventa allenatore (SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!) e si porta Markino in prima squadra, con l'importantissimo ruolo di vice Milito/Palacio nelle trasferte marcissime di Europa League che non si fila nessuno.

Debutta dunque nel terzo turno preliminare contro l'Hajduk Spalato, ironia della sorte la squadra della città in cui è nato e ha debuttato tra i professionisti.

Quell'anno in particolare abbiamo l'onore di sfidare nelle notti magiche di Europa League nientepopodimeno che Rubin Kazan, Netfchi Baku e Partizan. 

Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata 1 Ranocchiate

Un girone da pazzi, con partite ai limiti dell'integrità mentale, insomma perfetto per Livaja.

Viene schierato spesso e volentieri titolare e spesso e volentieri fa gol (4 in 6 partite).
Peccato che come detto prima siano delle partite tutt'altro che tranquille. Belec col Vaslui mi fa venire ancora la pelle d'oca. Per non parlare di Inter - Neftchi Baku 2-2.

Una magica cavalcata interrotta da quel tristissimo 4-1 al Tottenham.
Potevamo alzarla quella coppa.

ALTRO CHE CHAMPIONS.

In campionato non è che le cose vadano molto meglio:

C'è un solo motivo infatti per cui Livaja resterà per sempre nella memoria dei tifosi interisti:
IL PALO DA MEZZO METRO A PORTA VUOTA CONTRO IL GENOA.

A gennaio Livaja viene subito ceduto all'Atalanta, in cambio di Schelotto. Certi sacrifici vanno fatti senza pensarci troppo.

Così dopo soli 6 mesi si conclude questa esperienza all'Inter.

Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata 2 Ranocchiate
Uno dei talenti più forti del mondo che ci ha lasciato in quella sessione di calciomercato, e c'è anche Pippo Coutinho.

La cosa più divertente è che subito dopo il suo addio all'Inter inizia una serie di infortuni catastrofica che ci porta ad acquistare in fretta e furia TOMMASONE ROCCHI pur di non dover schierare i magazzinieri in attacco.
Scusa Marko ma siamo troppo contenti di aver avuto Rocchi all'Inter, ti abbiamo voluto bene, ma se non te ne fossi andato ci saremmo persi delle emozioni uniche.

All'Atalanta scopriamo che oltre a colpire i legni da due passi è bravissimo anche a colpire compagni e avversari: Dopo una scazzottata con Radovanovic, un litigio con Colantuono e più o meno con mezza Bergamo, Livaja viene spedito subito in Russia, proprio al Rubin che aveva affrontato qualche anno prima, dove fa perdere le tracce di sé.

Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata 3 Ranocchiate

Tolto un passaggio all'Empoli povero di emozioni, Markolino incanta in Spagna, al Las Palmas, e poi soprattutto in Grecia, all'AEK Atene, dove riesce a vincere a sorpresa il campionato greco, qualificandosi di nuovo per le sue amate notti magiche di Europa League, dove ferma per due volte di fila sullo 0-0 il Milan.

Ad Atene trova la sua dimensione, lì si vive il calcio come piace a lui, senza prendersi troppo sul serio e con molta impulsività.

In estate è riuscito a portare l'AEK alla qualificazione in Champions League, ma si è beccato 3 giornate di squalifica per aver dato un calcio a Lazovic.

Livaja si distingue per essere uno dei pochi calciatori che su youtube non hanno solo le compilation degli assist e dei gol, ma anche quelle delle migliori risse.

Ci salutiamo con questo magnifico estratto dei suoi momenti migliori.
A me questi video sgranati in greco fanno sempre emozionare molto, mi ricordano l'Europa League 2012-2013.

Ma sicuramente l'evento più importante della carriera di Livaja è... la partecipazione alla #MITT CUP di Ranocchiate!

Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata

L'avventura di Livaja all'Inter comincia in Primavera con la Next Gen vinta con Strama <3 .
Infatti tra i ragazzi di quella rosa non ce n'è uno che farà una bella carriera.

Strama l'anno dopo diventa allenatore (SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!) e si porta Markino in prima squadra, con l'importantissimo ruolo di vice Milito/Palacio nelle trasferte marcissime di Europa League che non si fila nessuno.

Debutta dunque nel terzo turno preliminare contro l'Hajduk Spalato, ironia della sorte la squadra della città in cui è nato e ha debuttato tra i professionisti.

Quell'anno in particolare abbiamo l'onore di sfidare nelle notti magiche di Europa League nientepopodimeno che Rubin Kazan, Netfchi Baku e Partizan. 

Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata 4 Ranocchiate

Un girone da pazzi, con partite ai limiti dell'integrità mentale, insomma perfetto per Livaja.

Viene schierato spesso e volentieri titolare e spesso e volentieri fa gol (4 in 6 partite).
Peccato che come detto prima siano delle partite tutt'altro che tranquille. Belec col Vaslui mi fa venire ancora la pelle d'oca. Per non parlare di Inter - Neftchi Baku 2-2.

Una magica cavalcata interrotta da quel tristissimo 4-1 al Tottenham.
Potevamo alzarla quella coppa.

ALTRO CHE CHAMPIONS.

In campionato non è che le cose vadano molto meglio:

C'è un solo motivo infatti per cui Livaja resterà per sempre nella memoria dei tifosi interisti:
IL PALO DA MEZZO METRO A PORTA VUOTA CONTRO IL GENOA.

A gennaio Livaja viene subito ceduto all'Atalanta, in cambio di Schelotto. Certi sacrifici vanno fatti senza pensarci troppo.

Così dopo soli 6 mesi si conclude questa esperienza all'Inter.

Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata 5 Ranocchiate
Uno dei talenti più forti del mondo che ci ha lasciato in quella sessione di calciomercato, e c'è anche Pippo Coutinho.

La cosa più divertente è che subito dopo il suo addio all'Inter inizia una serie di infortuni catastrofica che ci porta ad acquistare in fretta e furia TOMMASONE ROCCHI pur di non dover schierare i magazzinieri in attacco.
Scusa Marko ma siamo troppo contenti di aver avuto Rocchi all'Inter, ti abbiamo voluto bene, ma se non te ne fossi andato ci saremmo persi delle emozioni uniche.

All'Atalanta scopriamo che oltre a colpire i legni da due passi è bravissimo anche a colpire compagni e avversari: Dopo una scazzottata con Radovanovic, un litigio con Colantuono e più o meno con mezza Bergamo, Livaja viene spedito subito in Russia, proprio al Rubin che aveva affrontato qualche anno prima, dove fa perdere le tracce di sé.

Giocatori che non sono stati: Marko Livaja, follia croata 6 Ranocchiate

Tolto un passaggio all'Empoli povero di emozioni, Markolino incanta in Spagna, al Las Palmas, e poi soprattutto in Grecia, all'AEK Atene, dove riesce a vincere a sorpresa il campionato greco, qualificandosi di nuovo per le sue amate notti magiche di Europa League, dove ferma per due volte di fila sullo 0-0 il Milan.

Ad Atene trova la sua dimensione, lì si vive il calcio come piace a lui, senza prendersi troppo sul serio e con molta impulsività.

In estate è riuscito a portare l'AEK alla qualificazione in Champions League, ma si è beccato 3 giornate di squalifica per aver dato un calcio a Lazovic.

Livaja si distingue per essere uno dei pochi calciatori che su youtube non hanno solo le compilation degli assist e dei gol, ma anche quelle delle migliori risse.

Ci salutiamo con questo magnifico estratto dei suoi momenti migliori.
A me questi video sgranati in greco fanno sempre emozionare molto, mi ricordano l'Europa League 2012-2013.

Ma sicuramente l'evento più importante della carriera di Livaja è... la partecipazione alla #MITT CUP di Ranocchiate!

Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

24/01/2023
Inter - Empoli, dieci rossi post-partita

🤬 - Stamattina con una gran voglia di disdire anche io qualsiasi cosa, ve lo giuro. ❤️ - È comunque il 24 di gennaio, buon BrozoDay a tutti, TORNA KAPETANE MOJ MI MANCHI 🤬 - Non avessi già espatriato l’avrei fatto di corsa stamattina. N.B. L’espatrio non protegge dagli effetti collaterali di Inter - Empoli 🤬 - Comunque volevo […]

23/01/2023
Inter - Empoli nel tempo di un caffè scadente

0’ - Non credevo che avrei mai ringraziato DAZN per qualcosa. Poi chiamano Strama. E allora ditelo.. PRIMO TEMPO: 1'- L'intesa tra Lauti e Tucu è commovente, nel senso che mi sto già disperando 4’ - sono quattro minuti che cantiamo ‘Milan merda’. Spero di cuore che ci stiate sentendo da casa perché non ho […]

19/01/2023
Milan - Inter, il pagellone trionfale

ONANA 10 – Lo so che i puristi storceranno il naso per il voto, ma come si dice “la prestazione perfetta per un portiere è quella in cui non deve compiere nessun intervento”.Ah, non si dice? In effetti l’ho appena inventata adesso, ora potrete usarla nelle vostre conversazioni con i cuginastri per mostrare superiorità moral/culturale. […]

19/01/2023
Milan - Inter, dieci cialde extra croccanti con tripla farcitura post-Supercoppa

🧇 - Buongiorno Supercampioni, vi siete girati? 🧇 - Il mood da ieri sera: 🧇 - Tomori con Lautaro più in difficoltà del nostro sito crashato a fine partita. 🧇 - POV: sei la difesa del Milan 🧇 - Per fortuna che Alex Cordaz a una certa si è ricordato di riattivare Fifino Visualizza questo post su Instagram Un post […]

18/01/2023
Milan - Inter nel tempo di un caffè arabica

0’ - ma che abbiamo fatto di male nella vita per meritarci questoPerò grazie Mediaset per non averci fatto sentire il discorso motivazionale di Padre Pioli PRIMO TEMPO: 1’ - Sto già iper ventilando perché se perdiamo oggi me la prenderò tantissimo 2’ - Chala guarda la porta del Milan come io guardo una lasagna […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram