Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski

Ci sono giocatori di cui è impossibile non innamorarsi, giocatori che ammiri all'estero e in nazionale pensando, "cazzo quanto sarebbe bello vederlo all'Inter".
Poi succede per davvero.
E capisci che forse non era il caso.

Si potrebbe riassumere così la storia di Lukas Podolski, uno straordinario talento che ha incantato con le maglie del suo Colonia, del Bayern, dell'Arsenal e soprattutto della Nazionale tedesca.
Collezionando tanti momenti belli, troppo belli per essere raccontati in questa rubrica che si riserva il lusso di raccontare esclusivamente il peggio del peggio.

Arriva all'Inter nel gennaio 2015, nel periodo del Mancini bis. I rinforzi, per raddrizzare una stagione iniziata male da Mazzarri, sono di quelli importanti:

Podolski, Shaqiri, Brozovic e Santon.

L'emozione si respira nell'aria, e fin da subito l'atmosfera è di quelle bollenti.

No dico, DAVVERO bollenti

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 1 Ranocchiate

 

Poldi arriva in prestito per 6 mesi, con un diritto di riscatto moooooolto ipotetico. Certo è un po' bollito, ma uno che un anno fa si è proclamato campione del mondo non può essere tanto male.
Vero?

La squadra ha talmente bisogno di aiuto che Podolski viene mandato in campo appena dopo il suo arrivo, è il 6 gennaio e a Torino si gioca Juventus-Inter.

Eccolo mentre il suo taglio viene ignorato da Icardi e assiste spaesato alla storica lite Osvaldo-Maurito, con tanto di cazzottone a Mancini nello spogliatoio.

Poldi però è troppo signore per incazzarsi e lascia che siano i suoi compagni a sbrigarsela tra loro.

La partita successiva è quella contro il Genoa. Ce la ricorderemo per la pallonata di Capitan Andreolli a Mancini, che in quel periodo era proprio destinato a prendere botte.

Però la prendiamo sul ridere, perché alla fine quell'Inter era troppo divertente. Con il Kuz, Felipe e tutti gli altri. Podolski trova anche l'assist da calcio d'angolo per il gol di Vidic.

Contro la Fiorentina invece non gli va troppo bene dalla bandierina.

L'intesa tra Podolski e Shaqiri aumenta sempre di più, lo sa bene la Samp in Coppa Italia. Peccato che tutto il resto della squadra non cresca con loro, ma quelli sono dettagli.

Il momento di gloria di Poldi è sicuramente il suo gol all'Udinese,arrivato appena 30 secondi dopo il suo ingresso in campo

Alla fine l'Inter riesce a raggiungere il suo obiettivo stagionale, cioé l'ottavo posto per non fare l'Europa League, ma nonostante questo Podolski non viene riscattato e deve fare ritorno all'Arsenal.

Peccato perché a Milano nei suoi 6 mesi di Erasmus si era trovato proprio bene.

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 2 Ranocchiate

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 3 Ranocchiate

Shaqi invece viene spedito subito via, pare per cattivi comportamenti e robe così. Sciocchezze.

Va allo STOKE CITY dove ci regala emozioni formando un super attacco con MARKO ARNAUTOVIC.

AH! INTER! TI SEI PENTITA VERO?

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 4 Ranocchiate

Sì ok lo so che lo Stoke City è retrocesso da ultimo in classifica.... Che noiosi. Non sapete proprio divertirvi 🙁

E di Podolski che ne è stato? Beh lui ovviamente non ha perso il sorriso ed è andato a svernare. Prima al Galatasaray, dove è diventato un idolo come Felipe Melo e Nagatomo (COME DARGLI TORTO? BUONGUSTAI)

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 5 Ranocchiate
Nel tempo libero fa il kebabbaro a Colonia. Se passate da quelle parti....

E nel frattempo è emigrato anche in Giappone.

Sembra proprio che se la passi bene.

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 6 Ranocchiate

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski

Ci sono giocatori di cui è impossibile non innamorarsi, giocatori che ammiri all'estero e in nazionale pensando, "cazzo quanto sarebbe bello vederlo all'Inter".
Poi succede per davvero.
E capisci che forse non era il caso.

Si potrebbe riassumere così la storia di Lukas Podolski, uno straordinario talento che ha incantato con le maglie del suo Colonia, del Bayern, dell'Arsenal e soprattutto della Nazionale tedesca.
Collezionando tanti momenti belli, troppo belli per essere raccontati in questa rubrica che si riserva il lusso di raccontare esclusivamente il peggio del peggio.

Arriva all'Inter nel gennaio 2015, nel periodo del Mancini bis. I rinforzi, per raddrizzare una stagione iniziata male da Mazzarri, sono di quelli importanti:

Podolski, Shaqiri, Brozovic e Santon.

L'emozione si respira nell'aria, e fin da subito l'atmosfera è di quelle bollenti.

No dico, DAVVERO bollenti

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 7 Ranocchiate

 

Poldi arriva in prestito per 6 mesi, con un diritto di riscatto moooooolto ipotetico. Certo è un po' bollito, ma uno che un anno fa si è proclamato campione del mondo non può essere tanto male.
Vero?

La squadra ha talmente bisogno di aiuto che Podolski viene mandato in campo appena dopo il suo arrivo, è il 6 gennaio e a Torino si gioca Juventus-Inter.

Eccolo mentre il suo taglio viene ignorato da Icardi e assiste spaesato alla storica lite Osvaldo-Maurito, con tanto di cazzottone a Mancini nello spogliatoio.

Poldi però è troppo signore per incazzarsi e lascia che siano i suoi compagni a sbrigarsela tra loro.

La partita successiva è quella contro il Genoa. Ce la ricorderemo per la pallonata di Capitan Andreolli a Mancini, che in quel periodo era proprio destinato a prendere botte.

Però la prendiamo sul ridere, perché alla fine quell'Inter era troppo divertente. Con il Kuz, Felipe e tutti gli altri. Podolski trova anche l'assist da calcio d'angolo per il gol di Vidic.

Contro la Fiorentina invece non gli va troppo bene dalla bandierina.

L'intesa tra Podolski e Shaqiri aumenta sempre di più, lo sa bene la Samp in Coppa Italia. Peccato che tutto il resto della squadra non cresca con loro, ma quelli sono dettagli.

Il momento di gloria di Poldi è sicuramente il suo gol all'Udinese,arrivato appena 30 secondi dopo il suo ingresso in campo

Alla fine l'Inter riesce a raggiungere il suo obiettivo stagionale, cioé l'ottavo posto per non fare l'Europa League, ma nonostante questo Podolski non viene riscattato e deve fare ritorno all'Arsenal.

Peccato perché a Milano nei suoi 6 mesi di Erasmus si era trovato proprio bene.

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 8 Ranocchiate

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 9 Ranocchiate

Shaqi invece viene spedito subito via, pare per cattivi comportamenti e robe così. Sciocchezze.

Va allo STOKE CITY dove ci regala emozioni formando un super attacco con MARKO ARNAUTOVIC.

AH! INTER! TI SEI PENTITA VERO?

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 10 Ranocchiate

Sì ok lo so che lo Stoke City è retrocesso da ultimo in classifica.... Che noiosi. Non sapete proprio divertirvi 🙁

E di Podolski che ne è stato? Beh lui ovviamente non ha perso il sorriso ed è andato a svernare. Prima al Galatasaray, dove è diventato un idolo come Felipe Melo e Nagatomo (COME DARGLI TORTO? BUONGUSTAI)

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 11 Ranocchiate
Nel tempo libero fa il kebabbaro a Colonia. Se passate da quelle parti....

E nel frattempo è emigrato anche in Giappone.

Sembra proprio che se la passi bene.

Giocatori che non sono stati: l'Erasmus milanese di Lukas Podolski 12 Ranocchiate

Notizie flash

Ultimi articoli

17/01/2022
Atalanta - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - OOOOOOH finalmente una non vittoria, tutto questo tempo e persino dicembre e gennaio senza un minimo di profumo di CRISIINTER mi stava troppo destabilizzando. 9 - Ah, dobbiamo sempre recuperare una partita?E comunque non abbiamo perso?Quindi non siamo ancora in CRISIINTER?Ah, ok. 8 - Io: madonna ma basta che schifo io con questi […]

16/01/2022
Atalanta - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Eccoci qui di nuovo per la più bella partita dell’anno per tutti coloro che non tifano. Per me, interista in terra bergamasca, una tassa, un supplizio che mi tocca pagare ogni anno. 8’ - Siamo già a 3 occasioni per l’Atalanta che la prospettiva ha fatto sembrare gol. 15’ - Dzeko […]

16/01/2022
Le 5 statistiche più ansiogene di Atalanta - Inter

Sarà la Supercoppa vinta contro la J**e, dopo aver recuperato uno svantaggio con un rigore a favore e vinta al 120’ con un gol del giocatore più umile della storia, sarà la vittoria con la Lazio che ha avuto tanto il sapore della #VENDETT, sarà che si parla di scippare ai nostri acerrimi nemici il […]

13/01/2022
Inter - Juventus, il pagellone del fallo tattico

HANDA 10 - Quanti feels ieri sera con il vicecap: vederlo con quel capello brizzolato da anni di Inter e di tasche piene di sassi mi ha riportato alla mente Francesco Toldo, mio primo amore calcistico.Forse non tutti se ne saranno accorti, ma ieri Handa ha fatto il primo vero tentativo di carriera postcalcistica: la […]

13/01/2022
Inter - Juventus, dieci leoni post - Supercoppa

🦁 ALZALAAAAAAAAAAAA ALZALA CAPITANO ALZALAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA 🦁Abbiamo perso anni di vita (come al solito), la salute fisica (che novità), la salute mentale (firts time?) ma ECCOCI QUI DOPO IL MINUTO 120:01 A FESTEGGIARE IL 12 GENNAIO E IL 13 GENNAIO E IL 14 GENNAIO ECC ECC UN TROFEO NON SO SE VI RENDETE CONTO UN T […]

12/01/2022
Inter - Juventus nel tempo di una supercoppa

Primo tempo 0’ - Eccoci qui, prontissimi, per la competizione meno interessante della stagione ma pur sempre l’occasione di esultare in faccia direttamente ai bianconeri. 1’ - Subito Dzeko su cross di Perry.Siamo più caldi del motore truccato del motorino di un bullo di provincia 5’ - De Vrij di testa su calcio d’angolo.È ROVENTE […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram