22/10/2022

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta

"Volaaaaaareeee, oh oh, caaantaaare, oh oh oh oh, nel nero blu, dipinto di nero blu, felice di stare lassù (oddio siamo ottavi, ma va beh)"

Il mood di questi giorni nerazzurri è sicuramente questo. Siamo tutti più leggeri, freschi, leggiadri, calmi, sereni, rasserenati, rassicurati, rallegrati, r#allegriOUT no scusate ho sbagliato.
Insomma, siam felici: veniamo da 4 convincenti risultati utili consecutivi:

  1. Abbiamo vinto in casa contro il Barcellona nel pieno della #crisinter con tenacia, grinta e, lasciatemelo dire, Culo (no, non si tratta di un #Mitt).
  2. Poi abbiamo vinto contro il SASSUOLO, la nostra bestia nera, riuscendo a evitare di essere rimontati 1-2 ma vincendo noi 2-1. Abbiamo battuto il Sassuolo con Consigli in porta. ABBIAMO BATTUTO IL SASSUOLO CON CONSIGLI IN PORTA! Follia.
  3. Poi di nuovo il Barcellona, al Camp Nou: vietati i vessilli nerazzurri (come si dice trogloditi in catalano?), remuntarem, avete pagato gli arbitri (con que dinero amigos?), il pubblico sarà il nostro dodicesimo uomo, non firmo per l'1-0 bla bla. 3-3 e catalani muti. Come si dice in catalano sucatNOOO MI DISSOCIO.
  4. E poi l'appuntamento più semplice: la Salernitana in casa. Eravamo tutti pronti a cadere in psicodrammi fallendo l'appuntamento più facile e invece no, vittoria serena 2-0.

Ma sappiamo anche che l'interismo può essere cherofobico: io ho paura di essere felice quando si tratta dei colori nerazzurri perché da un momento all'altro può succedere l'insospettabile. L'Inter è l'emblema del proverbio "dalle stelle alle stalle" e viceversa, e le uniche a soffrire sono le nostre povere e ormai inesistenti coronarie.

E allora sì ragazzi, preparatevi a soffrire, perché fra poco risuccederà. La nostra vita è un pendolo che oscilla tra noia (le pause nazionali) e dolore (le sconfitte dell'Inter), con un fugace intervallo di gioia (quello che stiamo vivendo ora), ma ha vita breve.

All'orizzonte ci sarà una nuova crisi: è questo il nostro destino, è questo il motivo per cui siamo nati noi Interisti.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 1 Ranocchiate
Arthur Schopenhauer uno di noi

MA,
C'È UN MA.
Il Destino è ineluttabile, ma talvolta possiamo provare a modificarne le sorti. Quisque faber fortunae suae diceva Sallustio (no, nemmeno lui è un #mitt. Culo e Sallustio non sono #mitt!).
Sabato sera c'è la Fiorentina, mercoledì il Viktoria Plzen. Se perdiamo contro i PETTOH, PETTOH NETTOH passeremmo un sabato sera triste (siamo allenati); se invece perdiamo contro il Viktoria Plzen ci sarebbe un psicodramma nazional popolare, soprattutto dopo l'Asllanata.
"Dicasi Asllanata (As-lla-na-ta, trec.) la giocata del giovane #mitt Asllani che fa impazzire tutti i tifosi dell'Inter perché, oltre a negare il 4-3 della vittoria, non permette all'Inter di avere la matematica certezza del passaggio del turno".

Quindi ragazzi, per piegare il nostro destino al nostro volere, dobbiamo infortunare Theo Hernan...NOOOO.
Dicevamo: quindi ragazzi, per piegare il nostro destino al nostro volere, dobbiamo far sì che la crisi avvenga contro la Fiorentina per non avvenire contro il Viktoria Plzen. "Prenderne uno per non prenderne novantanove" diceva il famoso poeta ALDO BAGLIO.

E allora ragazzi, urliamo tutti insieme: FORZA FIORENTINA, FORZA VIOLA!
Cantiamo: "Oooh Fiorentinaaaaaa, di tutte sei la re-ginaaaaa, oh Fiorentinaaaa..." Italiano, Jovic, Kouamè: BATTETECI. Dovete vincere ora cosicché noi vinciamo mercoledì. Forza ragazzi!

E quindi brati, tutti insieme auspichiamo e fantastichiamo 3 incredibili scenari in cui l'Inter, volutamente, perde (ma con il sorriso :).
1) SCENARIO CALCIOPOLI
Fine primo tempo: 2-0 Inter. L'Inter di Scimone Inzaghi sta giocando bene, vincendo e dominando contro una Fiorentina in completa balia. I 4 gangster di Viale Liberazione, Javieri "el pupi" Zanetti, Giuseppe "double look" Marotta, Piero "io son di Cinisello" Ausilio e Steven "fiat 500 tamarra" Zhang si dirigono negli spogliatoi verso il camerino dell'arbitro, un luogo sacro dove mesi fa Ibrahimovic, Rebic e Tonali porsero la divina grazia a Marco Serra dopo Milan - Spezia 1-2 e vinsero il Nobel per la pace.

Nel camerino del Franchi di Firenze l'arbitro Valeri si sta cambiando, quando d'un tratto...

-"Valeri, le dobbiamo parlare" dice Double Look Marotta sbattendo la porta e chiudendosela alle spalle
-Valeri, visibilmente spaventato chiede: "Cosa ho fatto, state pure vincendo!"
-"È questo il problema" grida Ausilio "quello di Cinisello", sbattendo il pugno sul tavolo!
-Valeri, visibilmente confuso, replica: "E, e, dov'è il problema?"
-"il ploblema è che dobbiamo peldele, pelché altlimenti peldelemo contro il Viktolia Plzen" afferma Steven "fiat 500 tamarra" Zhang.
-"E cosa dovrei fare?" chiede Valeri scioccato.
-"Quelo che avete fato per anni alla Giuventus mentre io ero il capitano dela mia amata Inter, però al contrario, dovete far vincere la Fiorentina, poi scegli tu come!" dice Zanetti prima di uscire dallo spogliatoio con la sua banda.

Al rientro in campo Valeri convalida un gol di Jovic in fuorigioco tra le proteste dei giocatori dell'Inter, ignari del patto segreto sigillato dall'arbitro e dalla dirigenza e poi annulla un gol regolare a Barella, che va su tutte le braccia (volevo dire le furie, ma vedendo lui e Brozo ormai). L'inter, visibilmente scossa subisce anche il 2-2 da Kouamè, e poi avviene il ricorso storico. D'Ambrosio, subentrato al 7° minuto a Skriniar ammonito, interviene in area con il petto e spazza il pallone. L'arbitro vede chiaramente il tocco di PETTOH ma intimorito dalla dirigenza nerazzurra decide di assegnare il rigore, mandando il povero Danilo, vittima per la seconda volta di un tale shock da uno specialista, lo psicologo Patrick Pecora.

A fine partita i tifosi e i giocatori se ne vanno imbufaliti tranne i brati di ranocchiate e la dirigenza, consapevoli di aver permesso all'Inter di poter passare il turno in Champions mercoledì.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 2 Ranocchiate
la banda al completo

2) SCENARIO DALBERT
La dirigenza si riunisce nelle sedi di Viale Liberazione con l'intento di perdere la partita. Decidono di non fare come gli scoloriti: non vogliono forzare gli arbitri a fare cose. A quel punto, con una corrispondenza d'amorosi sensi, i 4 amici capiscono al volo che la soluzione legale e migliore per perdere apposta piegando il destino ce l'hanno in casa.
Dalbert Henrique Chagas Estevão (leggetelo con la voce di Federico Buffa) è un calciatore brasiliano difensore dell'Inter. Non so se sia peggio il nome, il fatto che venga considerato un difensore o che è ancora all'Inter. Perché si ragazzi, il nostro caro Dalbertino gioca ancora da noi. Oddio gioca avvocato: viene pagato per essere curato, infatti è infortunato per i prossimi mesi ed è quindi invendibile.

La dirigenza capisce tutto d'un tratto quale utilità potrà avere Dalbert per questa squadra: allenare alla sconfitta. Dalbert viene spostato dall'infermeria al campo d'allenamento e diventa allenatore ad Interim della squadra. Per 7 giorni il team in sala video vedrà solo immagini di azioni difensive del brasiliano, con allenamenti intensivi soprattutto per i 3 dietro.
Il video più visto e inflazionato è quello intitolato "Dalbert, best skills & goal Inter - Empoli 2-1 26-05-2019": un'ode alla non difesa e al terrore psicologico causato agli 80mila nerazzurri presenti allo stadio.

Il giorno della partita riunisce intorno a sé la squadra: poche parole, ma impregnate di significato. "Ragazzi, vi siete allenati bene tutta la settimana per PERDERE. Abbiamo studiato le mie mosse, le mie tattiche, la mia storia. Adesso uscite sul rettangolo verde e scrivete la vostra."
Mentre tutti abbandonano lo spogliatoio, il difensore brasiliano trattiene Dumfries e guardandolo negli occhi dice. "Tu sei il prescelto, tu sei stato il migliore in questi 7 giorni di preparazione, TU SEI IL MIO EREDE."

Detto, fatto. I nerazzurri si rendono partecipi di una perfetta prestazione di sconfitta voluta, con Dumfries in formato MVP autore di due autogol e due non-scivolamenti difensivi, il marchio di fabbrica del brasiliano. La Fiorentina vince 4-0 la battaglia. Gli interisti complici sorridono beffardi: sanno di star vincendo la guerra.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 3 Ranocchiate
il mister ad interim

3) SCENARIO INTER CLASSIC
La dirigenza non ascolta il nostro consiglio e decide di non modellare il destino, lasciando che il decorso sia normale. L'Inter, dopo 4 grandi partite e 8 gol segnati nelle ultime 4 partite, perde inesorabilmente e amaramente contro la Fiorentina. E allora voi direte: "eh ma se perdiamo va bene (tra mille virgolette), vuol dire che non perderemo mercoledì in Champions League, giusto?".
Eh no ragazzi, l'Inter la crisi non la fa mai male, non la fa tanto per fare: è nata per farla bene. Non solo perdiamo contro la Fiorentina senza averlo voluto, perdiamo anche contro il Viktoria Plzen in un pirotecnico 3-4; Xavi fa il miracolo contro il Bayern Monaco e l'Inter, inopinatamente, esce dalla Champions League.
Uno scenario terribile, incredibilmente realistico e a tinte nerazzurre.
Perché il destino interista ragazzi, ricordatevelo sempre, è peggiore di qualsiasi cosa terribile si possa immaginare.
Sì, è peggiore anche di una portata di pesce crudo a Gubbio.

Ma guardate sempre al bicchiere mezzo pieno: a quel punto partirebbe l'ignorante e meravigliosa #roadtoBudapest, il percorso per la finale di Europa League.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 4 Ranocchiate
Se io devo soffrire ripensando a questa finale di Europa League non vedo perché voi non dobbiate farlo

Buon Fiorentina - Inter a tutti brati e sestre!

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta

"Volaaaaaareeee, oh oh, caaantaaare, oh oh oh oh, nel nero blu, dipinto di nero blu, felice di stare lassù (oddio siamo ottavi, ma va beh)"

Il mood di questi giorni nerazzurri è sicuramente questo. Siamo tutti più leggeri, freschi, leggiadri, calmi, sereni, rasserenati, rassicurati, rallegrati, r#allegriOUT no scusate ho sbagliato.
Insomma, siam felici: veniamo da 4 convincenti risultati utili consecutivi:

  1. Abbiamo vinto in casa contro il Barcellona nel pieno della #crisinter con tenacia, grinta e, lasciatemelo dire, Culo (no, non si tratta di un #Mitt).
  2. Poi abbiamo vinto contro il SASSUOLO, la nostra bestia nera, riuscendo a evitare di essere rimontati 1-2 ma vincendo noi 2-1. Abbiamo battuto il Sassuolo con Consigli in porta. ABBIAMO BATTUTO IL SASSUOLO CON CONSIGLI IN PORTA! Follia.
  3. Poi di nuovo il Barcellona, al Camp Nou: vietati i vessilli nerazzurri (come si dice trogloditi in catalano?), remuntarem, avete pagato gli arbitri (con que dinero amigos?), il pubblico sarà il nostro dodicesimo uomo, non firmo per l'1-0 bla bla. 3-3 e catalani muti. Come si dice in catalano sucatNOOO MI DISSOCIO.
  4. E poi l'appuntamento più semplice: la Salernitana in casa. Eravamo tutti pronti a cadere in psicodrammi fallendo l'appuntamento più facile e invece no, vittoria serena 2-0.

Ma sappiamo anche che l'interismo può essere cherofobico: io ho paura di essere felice quando si tratta dei colori nerazzurri perché da un momento all'altro può succedere l'insospettabile. L'Inter è l'emblema del proverbio "dalle stelle alle stalle" e viceversa, e le uniche a soffrire sono le nostre povere e ormai inesistenti coronarie.

E allora sì ragazzi, preparatevi a soffrire, perché fra poco risuccederà. La nostra vita è un pendolo che oscilla tra noia (le pause nazionali) e dolore (le sconfitte dell'Inter), con un fugace intervallo di gioia (quello che stiamo vivendo ora), ma ha vita breve.

All'orizzonte ci sarà una nuova crisi: è questo il nostro destino, è questo il motivo per cui siamo nati noi Interisti.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 5 Ranocchiate
Arthur Schopenhauer uno di noi

MA,
C'È UN MA.
Il Destino è ineluttabile, ma talvolta possiamo provare a modificarne le sorti. Quisque faber fortunae suae diceva Sallustio (no, nemmeno lui è un #mitt. Culo e Sallustio non sono #mitt!).
Sabato sera c'è la Fiorentina, mercoledì il Viktoria Plzen. Se perdiamo contro i PETTOH, PETTOH NETTOH passeremmo un sabato sera triste (siamo allenati); se invece perdiamo contro il Viktoria Plzen ci sarebbe un psicodramma nazional popolare, soprattutto dopo l'Asllanata.
"Dicasi Asllanata (As-lla-na-ta, trec.) la giocata del giovane #mitt Asllani che fa impazzire tutti i tifosi dell'Inter perché, oltre a negare il 4-3 della vittoria, non permette all'Inter di avere la matematica certezza del passaggio del turno".

Quindi ragazzi, per piegare il nostro destino al nostro volere, dobbiamo infortunare Theo Hernan...NOOOO.
Dicevamo: quindi ragazzi, per piegare il nostro destino al nostro volere, dobbiamo far sì che la crisi avvenga contro la Fiorentina per non avvenire contro il Viktoria Plzen. "Prenderne uno per non prenderne novantanove" diceva il famoso poeta ALDO BAGLIO.

E allora ragazzi, urliamo tutti insieme: FORZA FIORENTINA, FORZA VIOLA!
Cantiamo: "Oooh Fiorentinaaaaaa, di tutte sei la re-ginaaaaa, oh Fiorentinaaaa..." Italiano, Jovic, Kouamè: BATTETECI. Dovete vincere ora cosicché noi vinciamo mercoledì. Forza ragazzi!

E quindi brati, tutti insieme auspichiamo e fantastichiamo 3 incredibili scenari in cui l'Inter, volutamente, perde (ma con il sorriso :).
1) SCENARIO CALCIOPOLI
Fine primo tempo: 2-0 Inter. L'Inter di Scimone Inzaghi sta giocando bene, vincendo e dominando contro una Fiorentina in completa balia. I 4 gangster di Viale Liberazione, Javieri "el pupi" Zanetti, Giuseppe "double look" Marotta, Piero "io son di Cinisello" Ausilio e Steven "fiat 500 tamarra" Zhang si dirigono negli spogliatoi verso il camerino dell'arbitro, un luogo sacro dove mesi fa Ibrahimovic, Rebic e Tonali porsero la divina grazia a Marco Serra dopo Milan - Spezia 1-2 e vinsero il Nobel per la pace.

Nel camerino del Franchi di Firenze l'arbitro Valeri si sta cambiando, quando d'un tratto...

-"Valeri, le dobbiamo parlare" dice Double Look Marotta sbattendo la porta e chiudendosela alle spalle
-Valeri, visibilmente spaventato chiede: "Cosa ho fatto, state pure vincendo!"
-"È questo il problema" grida Ausilio "quello di Cinisello", sbattendo il pugno sul tavolo!
-Valeri, visibilmente confuso, replica: "E, e, dov'è il problema?"
-"il ploblema è che dobbiamo peldele, pelché altlimenti peldelemo contro il Viktolia Plzen" afferma Steven "fiat 500 tamarra" Zhang.
-"E cosa dovrei fare?" chiede Valeri scioccato.
-"Quelo che avete fato per anni alla Giuventus mentre io ero il capitano dela mia amata Inter, però al contrario, dovete far vincere la Fiorentina, poi scegli tu come!" dice Zanetti prima di uscire dallo spogliatoio con la sua banda.

Al rientro in campo Valeri convalida un gol di Jovic in fuorigioco tra le proteste dei giocatori dell'Inter, ignari del patto segreto sigillato dall'arbitro e dalla dirigenza e poi annulla un gol regolare a Barella, che va su tutte le braccia (volevo dire le furie, ma vedendo lui e Brozo ormai). L'inter, visibilmente scossa subisce anche il 2-2 da Kouamè, e poi avviene il ricorso storico. D'Ambrosio, subentrato al 7° minuto a Skriniar ammonito, interviene in area con il petto e spazza il pallone. L'arbitro vede chiaramente il tocco di PETTOH ma intimorito dalla dirigenza nerazzurra decide di assegnare il rigore, mandando il povero Danilo, vittima per la seconda volta di un tale shock da uno specialista, lo psicologo Patrick Pecora.

A fine partita i tifosi e i giocatori se ne vanno imbufaliti tranne i brati di ranocchiate e la dirigenza, consapevoli di aver permesso all'Inter di poter passare il turno in Champions mercoledì.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 6 Ranocchiate
la banda al completo

2) SCENARIO DALBERT
La dirigenza si riunisce nelle sedi di Viale Liberazione con l'intento di perdere la partita. Decidono di non fare come gli scoloriti: non vogliono forzare gli arbitri a fare cose. A quel punto, con una corrispondenza d'amorosi sensi, i 4 amici capiscono al volo che la soluzione legale e migliore per perdere apposta piegando il destino ce l'hanno in casa.
Dalbert Henrique Chagas Estevão (leggetelo con la voce di Federico Buffa) è un calciatore brasiliano difensore dell'Inter. Non so se sia peggio il nome, il fatto che venga considerato un difensore o che è ancora all'Inter. Perché si ragazzi, il nostro caro Dalbertino gioca ancora da noi. Oddio gioca avvocato: viene pagato per essere curato, infatti è infortunato per i prossimi mesi ed è quindi invendibile.

La dirigenza capisce tutto d'un tratto quale utilità potrà avere Dalbert per questa squadra: allenare alla sconfitta. Dalbert viene spostato dall'infermeria al campo d'allenamento e diventa allenatore ad Interim della squadra. Per 7 giorni il team in sala video vedrà solo immagini di azioni difensive del brasiliano, con allenamenti intensivi soprattutto per i 3 dietro.
Il video più visto e inflazionato è quello intitolato "Dalbert, best skills & goal Inter - Empoli 2-1 26-05-2019": un'ode alla non difesa e al terrore psicologico causato agli 80mila nerazzurri presenti allo stadio.

Il giorno della partita riunisce intorno a sé la squadra: poche parole, ma impregnate di significato. "Ragazzi, vi siete allenati bene tutta la settimana per PERDERE. Abbiamo studiato le mie mosse, le mie tattiche, la mia storia. Adesso uscite sul rettangolo verde e scrivete la vostra."
Mentre tutti abbandonano lo spogliatoio, il difensore brasiliano trattiene Dumfries e guardandolo negli occhi dice. "Tu sei il prescelto, tu sei stato il migliore in questi 7 giorni di preparazione, TU SEI IL MIO EREDE."

Detto, fatto. I nerazzurri si rendono partecipi di una perfetta prestazione di sconfitta voluta, con Dumfries in formato MVP autore di due autogol e due non-scivolamenti difensivi, il marchio di fabbrica del brasiliano. La Fiorentina vince 4-0 la battaglia. Gli interisti complici sorridono beffardi: sanno di star vincendo la guerra.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 7 Ranocchiate
il mister ad interim

3) SCENARIO INTER CLASSIC
La dirigenza non ascolta il nostro consiglio e decide di non modellare il destino, lasciando che il decorso sia normale. L'Inter, dopo 4 grandi partite e 8 gol segnati nelle ultime 4 partite, perde inesorabilmente e amaramente contro la Fiorentina. E allora voi direte: "eh ma se perdiamo va bene (tra mille virgolette), vuol dire che non perderemo mercoledì in Champions League, giusto?".
Eh no ragazzi, l'Inter la crisi non la fa mai male, non la fa tanto per fare: è nata per farla bene. Non solo perdiamo contro la Fiorentina senza averlo voluto, perdiamo anche contro il Viktoria Plzen in un pirotecnico 3-4; Xavi fa il miracolo contro il Bayern Monaco e l'Inter, inopinatamente, esce dalla Champions League.
Uno scenario terribile, incredibilmente realistico e a tinte nerazzurre.
Perché il destino interista ragazzi, ricordatevelo sempre, è peggiore di qualsiasi cosa terribile si possa immaginare.
Sì, è peggiore anche di una portata di pesce crudo a Gubbio.

Ma guardate sempre al bicchiere mezzo pieno: a quel punto partirebbe l'ignorante e meravigliosa #roadtoBudapest, il percorso per la finale di Europa League.

Fiorentina - Inter, il prepartita della sconfitta voluta 8 Ranocchiate
Se io devo soffrire ripensando a questa finale di Europa League non vedo perché voi non dobbiate farlo

Buon Fiorentina - Inter a tutti brati e sestre!

Notizie flash

Ultimi articoli

13/11/2022
Atalanta- Inter nel tempo di un ultimo caffè

Primo tempo 1’ - Palomino alla prima da titolare dell’anno dopo lo stop per il presunto caso di doping. Come gli miglioreremo ulteriormente la giornata? 5' - Dopo due sconfitte di fila, Atalanta in versione Olanda di Cruijff 12' - Ma quindi Bastoni era in mood Barella che si rotola e non si fa nulla […]

13/11/2022
Atalanta - Inter, il prepartita dell'ultima di campionato

Non so se essere più basito dal fatto che quella di oggi sia l'ultima partita dell'anno oppure dal fatto che ormai sia arrivato Natale. Cioè raga qui mancano qualcosa come 40 giorni o poco più e io ho ancora le t-shirt a maniche corte nel cesto del panni da lavare. Voi siete consci del fatto […]

10/11/2022
Inter - Bologna, il Pagellone del ritorno della grande Inter

ONANA 7 – La serata comincia con Musa Barrow (uno dei tanti che sembra avere un conto aperto con noi) che sfiora il gol, poi un tiro di Arna viene respinto con le cosce da Andrè, con un intervento che ricorda il sacrificio di Dambro in un derby di qualche anno fa. La differenza è […]

10/11/2022
Inter - Bologna, dieci ranocchie post-partita

🐸 - Abbiamo fatto 6 a 1 anche all’andata l’anno scorso, non serve giocare il ritorno che tanto sappiamo già come va a finire. 🐸- Ma poi non li potevate dividere sto gol, tipo 3 al Bologna e gli altri tre a Torino contro quelli là porcoilcaz 🐸 - Cose che non pensavo di vedere […]

09/11/2022
Inter - Bologna nel tempo di un caffè

0' - Milan e Roma pareggiano, lAtalanta perde, cosa potrebbe andare male oggi?Ah già, giochiamo noi. PRIMO TEMPO: 1’ - Vi diròVi diròVi diròChe la situa, dopo aver guardato FroggyCosì brutta non é 2' - Bare è già dolorante. Non so più se crederci o no 4' - Quasi gol del Bologna dopo un contropiede. […]

09/11/2022
Inter - Bologna, il prepartita delle speranze finite

Siamo fritti. Finiti. Distrutti. Se per una partita in casa contro il Bologna ci tocca scomodare il signore in copertina, ieri in visita alla Pinetina, significa che la situazione è davvero tragica. Non supereremo la notte. A conferma di quanto sto dicendo, arrivano immagini inedite dalla visita del Vate di ieri al centro di allenamento: […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram