09/01/2017

Dottor Jekyll e Mister Inter – I 17 buoni propositi del 2017 nerazzurr

Con la trasferta di Udine, l’Inter sale a 4 vittorie consecutive, un filotto niente male per rianimare le speranze Champions: seppure nell’ultima giornata del girone d’andata tutte le sei squadre davanti a noi abbiano vinto, infatti, restare a 5 punti dalla zona Champions ed a 3 dall’Europa League ci permette di poter sfruttare le prossime sfide con obiettivo punteggio pieno (Chievo, Palermo e Pescara) e con la possibilità di rosicchiare qualcosa a chi ci sta davanti, il cui calendario presenta diverse insidie ed alcuni scontri diretti.
Non è stata una partita facile, anzi: l’Udinese ha giocato un primo tempo sontuoso, ad un ritmo forsennato, mettendo spesso in difficoltà i nostri. Guardando il bicchiere mezzo pieno però, mi vien da dire che queste partite, se vinte, sono stimmate da squadra compatta, che si appresta a diventare grande, e l’Inter di Pioli ha tutte le carte per esserlo.
La vittoria di ieri, inoltre, ha aperto l’anno nerazzurro e quindi quale migliore occasione per i classici buoni propositi del nuovo anno? Ecco gli 17 che ogni tifoso dovrebbe fare (e in fretta!):

  1. Che il matrimonio appena celebrato dia a Murillo la serenità mentale. O almeno che spinga la moglie a chiedere un TSO.
  2. Che Miranda, ritornato meraviglioso condottiero difensivo, rimanga tale: l’uomo che ogni ragazzo sogna di avere come suocero.
  3. Che Kondogbia esploda*, finalmente. (*Libera interpretazione del significato)
  4. Che El Tanguito non ci lasci proprio adesso per i soldi cinesi, né per chiunque altro.
  5. Che Joao Mario convinca CR7 a fare di un'altra città con la M il suo palcoscenico.
  6. Che Icardi sia lasciato meno solo. A casa ci pensa Wanda, ma in campo?
  7. Che Brozovic giochi due partite di fila allo stesso modo: bene, possibilmente, e senza l’aria di chi ti sta facendo un favore già solo ad allacciarsi le scarpe.
  8. Che Gabigol non venga buttato dentro solo quando le partite sono già finite al 70’, anche perché se conosciamo l’Inter…
  9. Che Pioli continui cosi: da normalizzatore a Normal One il passo è breve, e tutti possiamo diventare un po’ Speciali…
  10. Che la Lega Calcio decida di non farci giocare più alle 12.30: rovinare il pranzo domenicale di così tante persone mi sembra scortese.
  11. Che Gagliardini si confermi il crack di Bergamo, e se la legge del contrappasso ha un senso quello sarà: Mou ci mandò Wallace, Gasperini manda lui..
  12. Che a fine maggio, a prescindere da tutto, l’ordine gerarchico naturale sia ristabilito: la prima squadra di Milano sopra quelli in maglia rossonera.
  13. Che lo scudetto prende qualsiasi strada, ma non quella della Torino bianconera (siamo interisti, sì, ma anche antijuventini e orgogliosi di esserlo).
  14. Che sia l’anno buono per risentire a San Siro la musichetta con le parole meno comprese d’Europa (The chaaaaaaaaampiooooons, parapappapaaa).
  15. Che Suning nella sessione di mercato estiva compri Bernardeschi, Verratti, James, Acerbi, Rodriguez (per schierarli in campo) e chiunque abbia fatto grosse risate sul famoso “Foza Inda” (da mettere in giardino, come nani. A Nanchino.).
  16. Che Ranocchia possa tornare quello della prima stagione nerazzurra, e prendersi un posto da titolare al fianco di Miranda. Se Murillo è quello visto a Udine, non dovrebbe essere neanche una missione cosi impossibile. Nel nostro cuore lo è già.
  17. Che sia un anno Nerazzurro, a prescindere dalle vittorie e dalle sconfitte, dai calciatori, dagli allenatori, dai presidenti; quelli vanno e vengono, i nostri meravigliosi colori rimangono.

 

Dottor Jekyll e Mister Inter – I 17 buoni propositi del 2017 nerazzurr

Con la trasferta di Udine, l’Inter sale a 4 vittorie consecutive, un filotto niente male per rianimare le speranze Champions: seppure nell’ultima giornata del girone d’andata tutte le sei squadre davanti a noi abbiano vinto, infatti, restare a 5 punti dalla zona Champions ed a 3 dall’Europa League ci permette di poter sfruttare le prossime sfide con obiettivo punteggio pieno (Chievo, Palermo e Pescara) e con la possibilità di rosicchiare qualcosa a chi ci sta davanti, il cui calendario presenta diverse insidie ed alcuni scontri diretti.
Non è stata una partita facile, anzi: l’Udinese ha giocato un primo tempo sontuoso, ad un ritmo forsennato, mettendo spesso in difficoltà i nostri. Guardando il bicchiere mezzo pieno però, mi vien da dire che queste partite, se vinte, sono stimmate da squadra compatta, che si appresta a diventare grande, e l’Inter di Pioli ha tutte le carte per esserlo.
La vittoria di ieri, inoltre, ha aperto l’anno nerazzurro e quindi quale migliore occasione per i classici buoni propositi del nuovo anno? Ecco gli 17 che ogni tifoso dovrebbe fare (e in fretta!):

  1. Che il matrimonio appena celebrato dia a Murillo la serenità mentale. O almeno che spinga la moglie a chiedere un TSO.
  2. Che Miranda, ritornato meraviglioso condottiero difensivo, rimanga tale: l’uomo che ogni ragazzo sogna di avere come suocero.
  3. Che Kondogbia esploda*, finalmente. (*Libera interpretazione del significato)
  4. Che El Tanguito non ci lasci proprio adesso per i soldi cinesi, né per chiunque altro.
  5. Che Joao Mario convinca CR7 a fare di un'altra città con la M il suo palcoscenico.
  6. Che Icardi sia lasciato meno solo. A casa ci pensa Wanda, ma in campo?
  7. Che Brozovic giochi due partite di fila allo stesso modo: bene, possibilmente, e senza l’aria di chi ti sta facendo un favore già solo ad allacciarsi le scarpe.
  8. Che Gabigol non venga buttato dentro solo quando le partite sono già finite al 70’, anche perché se conosciamo l’Inter…
  9. Che Pioli continui cosi: da normalizzatore a Normal One il passo è breve, e tutti possiamo diventare un po’ Speciali…
  10. Che la Lega Calcio decida di non farci giocare più alle 12.30: rovinare il pranzo domenicale di così tante persone mi sembra scortese.
  11. Che Gagliardini si confermi il crack di Bergamo, e se la legge del contrappasso ha un senso quello sarà: Mou ci mandò Wallace, Gasperini manda lui..
  12. Che a fine maggio, a prescindere da tutto, l’ordine gerarchico naturale sia ristabilito: la prima squadra di Milano sopra quelli in maglia rossonera.
  13. Che lo scudetto prende qualsiasi strada, ma non quella della Torino bianconera (siamo interisti, sì, ma anche antijuventini e orgogliosi di esserlo).
  14. Che sia l’anno buono per risentire a San Siro la musichetta con le parole meno comprese d’Europa (The chaaaaaaaaampiooooons, parapappapaaa).
  15. Che Suning nella sessione di mercato estiva compri Bernardeschi, Verratti, James, Acerbi, Rodriguez (per schierarli in campo) e chiunque abbia fatto grosse risate sul famoso “Foza Inda” (da mettere in giardino, come nani. A Nanchino.).
  16. Che Ranocchia possa tornare quello della prima stagione nerazzurra, e prendersi un posto da titolare al fianco di Miranda. Se Murillo è quello visto a Udine, non dovrebbe essere neanche una missione cosi impossibile. Nel nostro cuore lo è già.
  17. Che sia un anno Nerazzurro, a prescindere dalle vittorie e dalle sconfitte, dai calciatori, dagli allenatori, dai presidenti; quelli vanno e vengono, i nostri meravigliosi colori rimangono.

 

Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

01/02/2023
Inter - Atalanta, dieci Santini post-partita

😇 - E per una volta non sono quelli che abbiamo tirato giù durante la partita ma quelli pregati a fine partita in onore del nostro Apostolo. 😇 - Partita con l’Atalanta fatta, semifinale di Coppa Italia presa, Gasperini salutato e mandato a cogliere fiori insieme a Xavi, ora possiamo finalmente concentrare tutto il nostro odio verso […]

31/01/2023
Inter - Atalanta nel tempo di un santo caffè

PRIMO TEMPO: 0'- Benvenuti a Inter - Atalanta, una partita che è come un film già visto, con Pasalic nel ruolo di Ilicic, Boga nel ruolo di Muriel e Maehle nel ruolo di Gosens 4' - Darmy di nuovo in modalità save the world 6' - Chala invece in modalità scazzo non mi avete comprato […]

31/01/2023
Inter - Atalanta, 10 pensieri prepartita e 10 commenti cinici

1 - L’Atalanta 4 giorni prima del derby; praticamente volete farmi incontrare tutti quelli della lista delle persone più odiose del mondo. Manca solo Cuadrado ma non me lo far dire troppo forte che questo è in scadenza di contratto con una squadra che rischia la serie B e l’anno prossimo me lo ritrovo al […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, il pagellone delle citazioni improbabili

ONANA 6.5 – Comincia la partita e collezioniamo angoli a ripetizione, tanto che ad un certo punto sono più i corner che i minuti trascorsi.Andrè se ne sta in porta, pronto ad esultare, perchè prima di venire a giocare con noi ha avuto il tempo di studiarci e sa che siamo la squadra che segna […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, dieci tori post-partita

🐂 - È durata giusto il tempo di farsi una doccia 🐂 - Che voglia di chiudermi in camera scrivendo frasi sulla Smemo ascoltando Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante 🐂 - Non so cosa sia peggio questa settimana tra Skriniar alla Juv…scusate, PSG, i ricordi di Eriksen che arriva all’Inter e sapere che esiste un Epic Team dal […]

28/01/2023
Cremonese - Inter, la partita nel tempo di un caffè con Gaglia capitano

0’ - non siamo pronti a vedere Gagliardini con la fascia NON SIAMO PRONTI Primo tempo 1' - Mariani fischia dopo aver regolato i suoi sedici orologi 4’ - qui dal settore ospiti Cremona tutto ok. Tanti ravioli e tanto vino, ma ok.  Finita la birra, vi aggiorniamo. 5’ - il primo piano su dzeko […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram