14/05/2020

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura

JULIO CESAR 6: Incolpevole sul pallonetto di Shevchenko. Poteva fare di più? difficile dirlo. Forse era rimasto traumatizzato da questa intro di Caressa nel prepartita:

SAMUEL 7: A un certo punto sembra una sfida 1 vs 1 tra lui e Bogush, il portiere ucraino. Su ogni calcio piazzato Wally arriva per primo ma non riesce mai a buttarla in rete. Questo comunque è tutto un extra, perché in difesa anche questa volta è insuperabile come sempre

LUCIO 8: Fa da baluardo difensivo nell'assalto finale, quando tutti sono su all'attacco. Per fortuna almeno Julio Cesar rimane con lui, altrimenti dovrebbe fare anche il portiere. Ma in una serata così, in questo stato di grazia, se la caverebbe anche tra i pali.

MAICON & ZANETTI 6: Ed è subito la cara vecchia pazza Inter con la difesa a 3 Maicon-Lucio-Pupi. Come detto Lucio si carica sulle spalle tutto il reparto e per Zanetti e Maicon si tratta di partecipare all'assedio con tutta la loro furia agonistica. Due così non ci stavano proprio a uscire ai gironi.

CHIVU 6: Puntuale dietro, si perde un po' in avanti perché si ferma a controllare che sugli spalti tutti abbiano la mascherina

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 1 Ranocchiate
Fate come questi ultras della Dinamo e proteggete e voi stessi e gli altri con le mascherine, con la salute non si scherza ok?
un abbraccio a distanza dal vostro Christian Chivu 26

CAMBIASSO 6: Se la cava in un primo tempo non semplice, Mou lo sostitusice nell'intervallo ma sappiamo bene che non è una bocciatura, semplicemente l'inizio di una ripresa folle

STANKOVIC 10: per me da dieci dopo questo momento storico con i tifosi della dinamo

THIAGO MOTTA 6.5: Così come Sneijder, anche Thiago sta ancora recuperando dall'infortunio, ma entra in campo nonostante gli acciacchi per aiutare in una rimonta decisiva. E quelle lacrime nell'esultanza alla fine della partita... <3

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 2 Ranocchiate

MUNTARI 7: Un'altra delle mosse di Mou che si rivela vincente: il suo tiraccio ignorante dalla distanza diventa decisivo per il gol

BALOTELLI 6: Entra al posto di Chivu e si trova subito a suo agio nel nuovo assetto super offensivo, con la nostro nuovo stile di gioco chiamato: "andate avanti e fate cose a caso, in qualche modo li metteremo in difficoltà".
Niente tattica, niente difesa, il calcio che piace a Mario. (come appunto l'intuizione del suo tacco per Muntari)

SNEIJDER 10: Prestazione da dieci, in tutti i sensi. Mou ritrova il suo trequartista tanto desiderato e per la prima volta in questa Champions League può schierare davvero la squadra che ha in mente. Wesley rientra ancora incerottato ma nessuno potrebbe davvero accorgersene, gioca con la grinta e il ritmo di sempre. È una vera spina nel fianco per la Dinamo che non lo tiene mai, decisivo in zona assist, e, finalmente, in zona gol.
La sua rete è pura grinta: si avventa su quel pallone con la voglia di un vero campione, lanciandosi con coraggio e riuscendo ad arrivare dove sembrava impossibile.

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 3 Ranocchiate

ETO'O 6: Non esce particolarmente sotto i riflettori, ma il suo lavoro è fondamentale per la squadra, e Mourinho lo sa bene. Se può sperimentare e attaccare così tanto, lo deve anche allo spirito di sacrificio del camerunense.

MILITO 8: Il primo gol in Champions della sua carriera arriva in una partita speciale. 30 anni di attesa e sopratutto di gol per questo momento. Argentina, Spagna, Serie B, Serie A, Champions: a prescindere dalla categoria Diego ha sempre continuato a fare ciò che gli riusciva meglio: segnare. E anche questa volta non ha deluso le aspettative. Forse non il più bello dei suoi gol, dal punto di vista estetico, ma quel pallone che entra piano piano spiazzando il portiere è emozionante come il passo finale di una maratona

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 4 Ranocchiate

MOURINHO 8: Questa sera inizia a intravedere l'Inter cha vorrebbe lui, quella che sta immaginando e replicando un po' per volta in campo.
In un campo difficile e contro un avversario rognoso, si aggrappa, e ci aggrappiamo anche noi, ai suoi uomini più decisivi.
Il secondo tempo è pazza Inter e pazzo Mou.
Possiamo solo immaginare cosa sia successo in quello spogliatoio all'intervallo, ma di sicuro sarà stato da brividi.

Ora siamo padroni del nostro destino, la cavalcata continua.

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura

JULIO CESAR 6: Incolpevole sul pallonetto di Shevchenko. Poteva fare di più? difficile dirlo. Forse era rimasto traumatizzato da questa intro di Caressa nel prepartita:

SAMUEL 7: A un certo punto sembra una sfida 1 vs 1 tra lui e Bogush, il portiere ucraino. Su ogni calcio piazzato Wally arriva per primo ma non riesce mai a buttarla in rete. Questo comunque è tutto un extra, perché in difesa anche questa volta è insuperabile come sempre

LUCIO 8: Fa da baluardo difensivo nell'assalto finale, quando tutti sono su all'attacco. Per fortuna almeno Julio Cesar rimane con lui, altrimenti dovrebbe fare anche il portiere. Ma in una serata così, in questo stato di grazia, se la caverebbe anche tra i pali.

MAICON & ZANETTI 6: Ed è subito la cara vecchia pazza Inter con la difesa a 3 Maicon-Lucio-Pupi. Come detto Lucio si carica sulle spalle tutto il reparto e per Zanetti e Maicon si tratta di partecipare all'assedio con tutta la loro furia agonistica. Due così non ci stavano proprio a uscire ai gironi.

CHIVU 6: Puntuale dietro, si perde un po' in avanti perché si ferma a controllare che sugli spalti tutti abbiano la mascherina

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 5 Ranocchiate
Fate come questi ultras della Dinamo e proteggete e voi stessi e gli altri con le mascherine, con la salute non si scherza ok?
un abbraccio a distanza dal vostro Christian Chivu 26

CAMBIASSO 6: Se la cava in un primo tempo non semplice, Mou lo sostitusice nell'intervallo ma sappiamo bene che non è una bocciatura, semplicemente l'inizio di una ripresa folle

STANKOVIC 10: per me da dieci dopo questo momento storico con i tifosi della dinamo

THIAGO MOTTA 6.5: Così come Sneijder, anche Thiago sta ancora recuperando dall'infortunio, ma entra in campo nonostante gli acciacchi per aiutare in una rimonta decisiva. E quelle lacrime nell'esultanza alla fine della partita... <3

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 6 Ranocchiate

MUNTARI 7: Un'altra delle mosse di Mou che si rivela vincente: il suo tiraccio ignorante dalla distanza diventa decisivo per il gol

BALOTELLI 6: Entra al posto di Chivu e si trova subito a suo agio nel nuovo assetto super offensivo, con la nostro nuovo stile di gioco chiamato: "andate avanti e fate cose a caso, in qualche modo li metteremo in difficoltà".
Niente tattica, niente difesa, il calcio che piace a Mario. (come appunto l'intuizione del suo tacco per Muntari)

SNEIJDER 10: Prestazione da dieci, in tutti i sensi. Mou ritrova il suo trequartista tanto desiderato e per la prima volta in questa Champions League può schierare davvero la squadra che ha in mente. Wesley rientra ancora incerottato ma nessuno potrebbe davvero accorgersene, gioca con la grinta e il ritmo di sempre. È una vera spina nel fianco per la Dinamo che non lo tiene mai, decisivo in zona assist, e, finalmente, in zona gol.
La sua rete è pura grinta: si avventa su quel pallone con la voglia di un vero campione, lanciandosi con coraggio e riuscendo ad arrivare dove sembrava impossibile.

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 7 Ranocchiate

ETO'O 6: Non esce particolarmente sotto i riflettori, ma il suo lavoro è fondamentale per la squadra, e Mourinho lo sa bene. Se può sperimentare e attaccare così tanto, lo deve anche allo spirito di sacrificio del camerunense.

MILITO 8: Il primo gol in Champions della sua carriera arriva in una partita speciale. 30 anni di attesa e sopratutto di gol per questo momento. Argentina, Spagna, Serie B, Serie A, Champions: a prescindere dalla categoria Diego ha sempre continuato a fare ciò che gli riusciva meglio: segnare. E anche questa volta non ha deluso le aspettative. Forse non il più bello dei suoi gol, dal punto di vista estetico, ma quel pallone che entra piano piano spiazzando il portiere è emozionante come il passo finale di una maratona

Dinamo Kiev-Inter, il pagellone della follia pura 8 Ranocchiate

MOURINHO 8: Questa sera inizia a intravedere l'Inter cha vorrebbe lui, quella che sta immaginando e replicando un po' per volta in campo.
In un campo difficile e contro un avversario rognoso, si aggrappa, e ci aggrappiamo anche noi, ai suoi uomini più decisivi.
Il secondo tempo è pazza Inter e pazzo Mou.
Possiamo solo immaginare cosa sia successo in quello spogliatoio all'intervallo, ma di sicuro sarà stato da brividi.

Ora siamo padroni del nostro destino, la cavalcata continua.

Notizie flash

Ultimi articoli

20/10/2021
Inter - Sheriff, dieci coccodrilli post - partita

🐊 Quanto è bello svegliarsi alla mattina quando sai di essere stata la prima squadra a battere lo Sheriff Tiraspol in Champions League. Ciao Real Madrid, tu questo non lo sai fare. 🐊 Comunque mi state simpatici, amici dell’ONU datevi una mossa e riconoscete questo bellissimo stato con una popolazione magnifica, non vedo l’ora di […]

19/10/2021
Uno sceriffo strapazzato nel tempo di un caffè

Terza partita del girone e siamo già qua, a dover strappare con i denti 3 punti per non vedere già andare in frantumi il sogno europeo. Tutto molto interista. Almeno però negli ultimi anni aspettavamo l’ultima giornata. Beh, godiamoci lo spettacolo dello Sceriffo. Primo tempo 4’ - Prima discesa degli uomini dello Sceriffo e sto […]

19/10/2021
10 cose più probabili di una vittoria con lo Sheriff Tiraspol

10 – Mauro Ica**i e Max Allegri decidono di fondare una società di consulenza matrimoniale 9 – Il dR.anocchio scopre una nuova fondamentale porzione anatomica del ginocchio umano e decide di chiamarla capsula di Sensi 8 – Il Napoli vince lo scudetto a punteggio pieno 7 – Fifino Dumfries si ritira, si dà alla boxe […]

17/10/2021
Lazio - Inter, il pagellone rissoso

HANDA 6+10 - Una prestazione normale per il vicecap, che mi toglie la possibilità di difenderlo a spada tratta perché sul 3-1 decide di abbandonarci a noi stessi lasciando entrare la palla in porta. Ma nel megarissone dà il meglio di sé: lo trovi in tutte le situazioni più calde e a fine partita è […]

17/10/2021
Lazio - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - Simon Kjaer che festeggia la qualificazione della Danimarca ai Mondiali con addosso la 10 di Chris l’unica cosa bella della sosta nazionali. 9 - Però è stato bello pensare che mi mancasse il campionato per quasi due settimane. 8 - GRAZIE SIGNORA BEST MANAGER NARA WANDA PER IL DRAMA DELLA SERATA che bello […]

16/10/2021
Lazio - Inter nel tempo di un'infamata

Primo tempo 0’ - Se non altro Pardo mi conferma che non sono l’unico ad aver perplessità a intendere la nostra formazione. 10’ - Rigoreeeeeee Mamma Mbare che giocatore che sei diventato!E ora chi cazzo lo tira il rigore? 11’ - PERRYYYYYYYYYYYY RIGORE PERFETTOChi ha bisogno 18’ - Comunque Felipe Anderson ogni volta che vede […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram