Dalbert's Inferno: il quinto canto del campionato interista

Quel sol c'avea per capello mi scaldò 'l petto,
quand egli scagliò la sfera amara
che fino alla fine parea dispetto.

Lo epico Marcelo s'è alterato,
dopo novanta si nervoso si contratto,
avea sguardo del fiero maculato.

E dir che sembra beffa, un'eufemia,
per quattro di fila sembrava latitante,
lo VAR che esce dalla letargia.

S'è persi varie diottrie a spugnettar,
sul maledetto mignolo del Danilo,
che noi s'era pur finito di esultar.

E poi sovrintendente della fascia destra,
mi dica quale gusto inver malato,
a non veder la palla for dalla giostra,

che anche li s'era chetato lo tifoso,
che dopo bomba secca dallo Kwadwo,
era già calmo e felice nel riposo.

Che sette giorni addietro era ira,
sentirci dir che sol l'arbitro po invocarlo,
ed ora due volte intervien prendendo mira.

Luciano che mai mollo morde lo campo,
privato dello bomber incatenato,
cerca mai sazio lottando contro tempo.

Quand'alla fine a scontro ormai concluso,
sapendo che siam gli ultimi a perire,
urlando invoca rete sorriso in muso,

tanto che girandosi trova la camera,
e per farci saper quanto ci ama,
esulta come un tifoso ch'a lungo spera.

Ma tanto ch'ormai l'abbiam capito,
il quarto poveraccio s'è girato,
dicendo che a lui era riferito.

Lo direttor di gara un po' deluso,
dal non potere nulla contro il Brozo,
si scaglia nemmen fosse un grande abuso.

Or io di polemica non son portante,
ma di una cosa son sicuro invero,
che testa a forma fallica non era presente,

nè chicchessia allusion all'annullo,
nell'esultanza di un tifoso presente,
all'ennesima prova di cuor e cervello.

Prendete quest'ultima mia preghiera,
più per lo cuore mio che poco e schioppa,
vinciam nei novanta senza chimera,

che tanto lo tifoso lì rimane,
innamorato della nostra cera,
nero ed azzuro il nostro cielo immane.

Dalbert's Inferno: il quinto canto del campionato interista

Quel sol c'avea per capello mi scaldò 'l petto,
quand egli scagliò la sfera amara
che fino alla fine parea dispetto.

Lo epico Marcelo s'è alterato,
dopo novanta si nervoso si contratto,
avea sguardo del fiero maculato.

E dir che sembra beffa, un'eufemia,
per quattro di fila sembrava latitante,
lo VAR che esce dalla letargia.

S'è persi varie diottrie a spugnettar,
sul maledetto mignolo del Danilo,
che noi s'era pur finito di esultar.

E poi sovrintendente della fascia destra,
mi dica quale gusto inver malato,
a non veder la palla for dalla giostra,

che anche li s'era chetato lo tifoso,
che dopo bomba secca dallo Kwadwo,
era già calmo e felice nel riposo.

Che sette giorni addietro era ira,
sentirci dir che sol l'arbitro po invocarlo,
ed ora due volte intervien prendendo mira.

Luciano che mai mollo morde lo campo,
privato dello bomber incatenato,
cerca mai sazio lottando contro tempo.

Quand'alla fine a scontro ormai concluso,
sapendo che siam gli ultimi a perire,
urlando invoca rete sorriso in muso,

tanto che girandosi trova la camera,
e per farci saper quanto ci ama,
esulta come un tifoso ch'a lungo spera.

Ma tanto ch'ormai l'abbiam capito,
il quarto poveraccio s'è girato,
dicendo che a lui era riferito.

Lo direttor di gara un po' deluso,
dal non potere nulla contro il Brozo,
si scaglia nemmen fosse un grande abuso.

Or io di polemica non son portante,
ma di una cosa son sicuro invero,
che testa a forma fallica non era presente,

nè chicchessia allusion all'annullo,
nell'esultanza di un tifoso presente,
all'ennesima prova di cuor e cervello.

Prendete quest'ultima mia preghiera,
più per lo cuore mio che poco e schioppa,
vinciam nei novanta senza chimera,

che tanto lo tifoso lì rimane,
innamorato della nostra cera,
nero ed azzuro il nostro cielo immane.

Ultimi articoli

27/09/2020
Inter-Fiorentina, il pagellone del VAE VICTIS

HANDANOVIC 6: Handa ai compagni nel pre-partita: "ragazzi questo è il nostro anno, finalmente possiamo vincere il campionato, è da una vita che aspetto questo momento. Siamo cresciuti, siamo maturi, non siamo più quelli del passato. Andiamo lì fuori e dimostriamolo." E dopo tre minuti Kouamé e Bonaventura varcano insieme la linea di porta mano […]

26/09/2020
Inter - Fiorentina nel tempo di un caffè

Poteva esserci qualcosa di più interista di vedere l’esordio dell’Inter a Bergamo contro la Fiorentina di camerata Biraghi? Primo tempo 0’ - Incredibile. Siamo ancora qui.Non sembra manco passata un’estate, forse perché effettivamente non lo è. 2’ - Cross di Perisic. Camilla e già in visibilio. 3’ - Gol della Fiorentina.Partito da un cross di […]

26/09/2020
10 cose più probabili di una vittoria alla prima in campionato contro la Fiorentina

10 - Non subire il gol dell'ex da Candreva alla prima occasione utile 9 - Affrontare il possibile trasferimento del Sommo con serenità e maturità (NO ANDREA NON LASCIARCIIII :'( :'( ) 8 - Pareggiare all'esordio in campionato 7 - Scoperta la causa della generosità dell'Inter nei confronti del Cagliari: Zhang e Giulini hanno una […]

23/09/2020
I 10 tipi di Interista precampionato

Cari amici di Ranocchiate, il campionato è ricominciato. Noi, tipi strani fino all'ultimo, dobbiamo però ancora fare il nostro esordio: la seconda partita del campionato sarà la nostra prima e viceversa con il prossimo turno.Niente di che a pensarci, un banale prolungamento del tempo di riposo considerato che poco più di un mese fa giocavamo […]

19/09/2020
Inter-Pisa, la partita segreta nel tempo di un caffé

Oggi in concomitanza con la prima giornata di Serie A (CHE NOIAAAAAA MA CHI SE NE FREGAAAA) è andata in scena una partita molto più importante, ma purtroppo i poteri forti hanno deciso di oscurarla. Per fortuna i 1000 tifosi interisti che hanno avuto l'occasione di tornare a San Siro potranno raccontarla... MA NON NOI, […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram