25/10/2018

CHE MALE, RAFI.

Il calcio è strano, Beppe.
Ma il calcio ieri è stato strano da fare male.

E non sto parlando di risultato, abbastanza scontato quando ti presenti con Candreva, Nonno e Danilo al Camp Nou; sto parlando di ben altro.

Appena sono uscite le formazioni ufficiali, i commentatori si sono lanciati in critiche a Valverde;

‘Strana la presenza di Rafinha, i giocatori dell’Inter lo conoscono, sanno le sue mosse’.

Ma tu no.

Tu sapevi che Rafinha titolare si sarebbe tradotto in una sola cosa: TRAGICA SOFFERENZA
Tu che non ti sei ancora ripreso dal mancato #RIPIGL ti sei raggelato davanti al televisore,
googlando immediatamente ‘10 consigli per non morire di gelosia’.

 

Il primo battito è saltato quando l’hanno inquadrato appena prima dell’inizio; non te lo ricordavi
così bello, così ammiccante, così da #RIPIGL insomma.

Rafinha, tesoro, hai sbagliato maglia.
Dai, vieni qui che la cambiamo, questo rosso al posto del nero non ti dona per niente.

 

Il primo passaggio che ha fatto è stata una pugnalata al cuore.
La sensazione è stata di vedere la tua metà flirtare con un altro davanti a te.
Ma cosa gliela passi ? Ma cosa ti salta in testa ? Come ti permetti, Rafinha ?

 

Fermate la partita che c’è qualcosa di sbagliato.
FERMATELA, SOSPENDETELA, FATE QUALCOSA.
Sto passando più tempo a guardare Rafi che a guardare i nostri.
Cerco un segno, un cenno, un qualcosa a cui aggrapparmi.

Non è felice e si vede.

Poi però succede.
Alla mezz’ora, Alcantara Rafinha la mette.

 

  • Comprimete insieme tutti i gol dell’ex che abbiamo subito (senza dimenticare Ronaldo, Ibra,
    Palacio etc...).
  • Spolverate un Santon per Icardi di Inter - Juve.
  • Versate delle dichiarazioni di Gasperini (QB).
  • Aggiungete una tortura di 24 ore da parte dei servizi segreti russi.
  • Mischiate.

 

Il dolore che ne verrebbe fuori non è minimamente paragonabile a quello provato ieri sera.
Una lacrima è scesa.
Un’appello lassù idem.
La ricerca su Google è stata ‘Come farla finita senza sentire male’.

 

Ma l’Interista più infelice di tutti è stato proprio lui, Rafi.

CHE MALE, RAFI. 1 Ranocchiate

Ha segnato per loro ma guardava noi, quasi a chiedere scusa.
E noi, in stato di shock, dal 30esimo in poi ci abbiamo capito veramente poco della partita.
Ho sperato finisse il prima possibile per andare sotto le coperte, raggomitolarmi e pensare tutta
notte a perché il Dio del Calcio costringa noi interisti a questi scempi.

 

Ma dalla partita di ieri ho imparato una cosa.
Rafinha e l’Inter sono innamorati.
Siamo un po’ Romeo e Giulietta, Tristano e Isotta, Paolo e Francesca o chi preferite voi.

E, in quanto innamorati, è impossibile dividerci.

 

Quindi, ora più che mai, in qualche modo si deve portare Rafinha a Milano.
Uccidendo Valverde, torturando Mazinho, usando come moneta di scambio Joao il (meno di Rafi)
Bello, implorando Spalletti.

Ma il piano più lucido che mi viene in mente è quello di rapirlo quando finirà Inter - Barcellona.
Lo chiudiamo negli spogliatoi e omertà a non finire.
Tanto il Barcellona non se l’è mai filato, che non faccia scenate o dica cose insensate tipo ‘non si possono rapire i giocatori’.
Se non è possibile il #RIPIGL, noi attueremo il #RIPIGLFORZATO.

 

Non ci arrendiamo, Rafi, stiamo arrivando a prenderti.

CHE MALE, RAFI.

Il calcio è strano, Beppe.
Ma il calcio ieri è stato strano da fare male.

E non sto parlando di risultato, abbastanza scontato quando ti presenti con Candreva, Nonno e Danilo al Camp Nou; sto parlando di ben altro.

Appena sono uscite le formazioni ufficiali, i commentatori si sono lanciati in critiche a Valverde;

‘Strana la presenza di Rafinha, i giocatori dell’Inter lo conoscono, sanno le sue mosse’.

Ma tu no.

Tu sapevi che Rafinha titolare si sarebbe tradotto in una sola cosa: TRAGICA SOFFERENZA
Tu che non ti sei ancora ripreso dal mancato #RIPIGL ti sei raggelato davanti al televisore,
googlando immediatamente ‘10 consigli per non morire di gelosia’.

 

Il primo battito è saltato quando l’hanno inquadrato appena prima dell’inizio; non te lo ricordavi
così bello, così ammiccante, così da #RIPIGL insomma.

Rafinha, tesoro, hai sbagliato maglia.
Dai, vieni qui che la cambiamo, questo rosso al posto del nero non ti dona per niente.

 

Il primo passaggio che ha fatto è stata una pugnalata al cuore.
La sensazione è stata di vedere la tua metà flirtare con un altro davanti a te.
Ma cosa gliela passi ? Ma cosa ti salta in testa ? Come ti permetti, Rafinha ?

 

Fermate la partita che c’è qualcosa di sbagliato.
FERMATELA, SOSPENDETELA, FATE QUALCOSA.
Sto passando più tempo a guardare Rafi che a guardare i nostri.
Cerco un segno, un cenno, un qualcosa a cui aggrapparmi.

Non è felice e si vede.

Poi però succede.
Alla mezz’ora, Alcantara Rafinha la mette.

 

  • Comprimete insieme tutti i gol dell’ex che abbiamo subito (senza dimenticare Ronaldo, Ibra,
    Palacio etc...).
  • Spolverate un Santon per Icardi di Inter - Juve.
  • Versate delle dichiarazioni di Gasperini (QB).
  • Aggiungete una tortura di 24 ore da parte dei servizi segreti russi.
  • Mischiate.

 

Il dolore che ne verrebbe fuori non è minimamente paragonabile a quello provato ieri sera.
Una lacrima è scesa.
Un’appello lassù idem.
La ricerca su Google è stata ‘Come farla finita senza sentire male’.

 

Ma l’Interista più infelice di tutti è stato proprio lui, Rafi.

CHE MALE, RAFI. 2 Ranocchiate

Ha segnato per loro ma guardava noi, quasi a chiedere scusa.
E noi, in stato di shock, dal 30esimo in poi ci abbiamo capito veramente poco della partita.
Ho sperato finisse il prima possibile per andare sotto le coperte, raggomitolarmi e pensare tutta
notte a perché il Dio del Calcio costringa noi interisti a questi scempi.

 

Ma dalla partita di ieri ho imparato una cosa.
Rafinha e l’Inter sono innamorati.
Siamo un po’ Romeo e Giulietta, Tristano e Isotta, Paolo e Francesca o chi preferite voi.

E, in quanto innamorati, è impossibile dividerci.

 

Quindi, ora più che mai, in qualche modo si deve portare Rafinha a Milano.
Uccidendo Valverde, torturando Mazinho, usando come moneta di scambio Joao il (meno di Rafi)
Bello, implorando Spalletti.

Ma il piano più lucido che mi viene in mente è quello di rapirlo quando finirà Inter - Barcellona.
Lo chiudiamo negli spogliatoi e omertà a non finire.
Tanto il Barcellona non se l’è mai filato, che non faccia scenate o dica cose insensate tipo ‘non si possono rapire i giocatori’.
Se non è possibile il #RIPIGL, noi attueremo il #RIPIGLFORZATO.

 

Non ci arrendiamo, Rafi, stiamo arrivando a prenderti.

Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

01/02/2023
Inter - Atalanta, dieci Santini post-partita

😇 - E per una volta non sono quelli che abbiamo tirato giù durante la partita ma quelli pregati a fine partita in onore del nostro Apostolo. 😇 - Partita con l’Atalanta fatta, semifinale di Coppa Italia presa, Gasperini salutato e mandato a cogliere fiori insieme a Xavi, ora possiamo finalmente concentrare tutto il nostro odio verso […]

31/01/2023
Inter - Atalanta nel tempo di un santo caffè

PRIMO TEMPO: 0'- Benvenuti a Inter - Atalanta, una partita che è come un film già visto, con Pasalic nel ruolo di Ilicic, Boga nel ruolo di Muriel e Maehle nel ruolo di Gosens 4' - Darmy di nuovo in modalità save the world 6' - Chala invece in modalità scazzo non mi avete comprato […]

31/01/2023
Inter - Atalanta, 10 pensieri prepartita e 10 commenti cinici

1 - L’Atalanta 4 giorni prima del derby; praticamente volete farmi incontrare tutti quelli della lista delle persone più odiose del mondo. Manca solo Cuadrado ma non me lo far dire troppo forte che questo è in scadenza di contratto con una squadra che rischia la serie B e l’anno prossimo me lo ritrovo al […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, il pagellone delle citazioni improbabili

ONANA 6.5 – Comincia la partita e collezioniamo angoli a ripetizione, tanto che ad un certo punto sono più i corner che i minuti trascorsi.Andrè se ne sta in porta, pronto ad esultare, perchè prima di venire a giocare con noi ha avuto il tempo di studiarci e sa che siamo la squadra che segna […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, dieci tori post-partita

🐂 - È durata giusto il tempo di farsi una doccia 🐂 - Che voglia di chiudermi in camera scrivendo frasi sulla Smemo ascoltando Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante 🐂 - Non so cosa sia peggio questa settimana tra Skriniar alla Juv…scusate, PSG, i ricordi di Eriksen che arriva all’Inter e sapere che esiste un Epic Team dal […]

28/01/2023
Cremonese - Inter, la partita nel tempo di un caffè con Gaglia capitano

0’ - non siamo pronti a vedere Gagliardini con la fascia NON SIAMO PRONTI Primo tempo 1' - Mariani fischia dopo aver regolato i suoi sedici orologi 4’ - qui dal settore ospiti Cremona tutto ok. Tanti ravioli e tanto vino, ma ok.  Finita la birra, vi aggiorniamo. 5’ - il primo piano su dzeko […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram