05/07/2020

"A tal deg", Inter - Bologna è una partita da non perdere

Cari amici di Ranocchiate, buona domenica.
Non so voi, ma io inizio a sentirmi provato: non ho ancora metabolizzato la partita col Sassuolo che abbiamo preso Hakimi, vinto all’ultimo col Parma e con un sonoro 6-0 contro il Brescia.
Poi la Lazio ha resuscitato il Milan, la Giuve stravince il derby della Mole e si dice persino che Ridge sia ancora vivo: la caratteristica principale di questo periodo la conoscevo già in effetti, ma viverla è tutt’altra cosa.
Va tutto maledettamente di fretta.

Ne mancano solo 9, oggi tocca di nuovo a noi: riceviamo un Bologna che fra ex giocatori ed altri che non segnerebbero nemmeno al torneo del mio quartiere, potrebbe succedere davvero di tutto.

In principio fu Ronaldo "O' Fenomeno", in seguito Kondogbia sostituto al 28° da De Boer, Gabigol e Karamoh: i rossoblu sono indissolubilmente legati a momenti magici per i nostri colori (anche perché credo che in qualche perverso modo ci amino, considerato il numero di giocatori poi passati dai nostri ai loro colori e viceversa).

"A tal deg", Inter - Bologna è una partita da non perdere 1 Ranocchiate


Sospetto che Gianni Morandi sia riuscito ad infiltrarsi dalle parti di Viale della Liberazione e compaia ogni qual volta un giocatore dell’Inter pensa alla cessione con un « BUONGIORNISSIMO, BOLOGNA??? » ma purtroppo non ne ho le prove.

Vi confesserò una cosa però: sarà l’astinenza da calcio degli scorsi mesi, ma sono felice come un bambino; si va talmente tanto veloci che non c’é tempo né di gioire né di abbattersi, con buona pace della mia solita ansietta.
Mi viene persino da pensare che le 17.15 di Domenica su Dazn non sia una brutta combinazione alla fine (se avete di meglio da fare a quest’ora avete decisamente una vita migliore della mia).

A tra poco, Bologna: magari questa é la volta buona per Agoumé, che ne dici?
Nel dubbio, #mitt.

P.S: non vi azzardate a mettere in campo 11 Medel, che quello é un nostro schema.

"A tal deg", Inter - Bologna è una partita da non perdere

Cari amici di Ranocchiate, buona domenica.
Non so voi, ma io inizio a sentirmi provato: non ho ancora metabolizzato la partita col Sassuolo che abbiamo preso Hakimi, vinto all’ultimo col Parma e con un sonoro 6-0 contro il Brescia.
Poi la Lazio ha resuscitato il Milan, la Giuve stravince il derby della Mole e si dice persino che Ridge sia ancora vivo: la caratteristica principale di questo periodo la conoscevo già in effetti, ma viverla è tutt’altra cosa.
Va tutto maledettamente di fretta.

Ne mancano solo 9, oggi tocca di nuovo a noi: riceviamo un Bologna che fra ex giocatori ed altri che non segnerebbero nemmeno al torneo del mio quartiere, potrebbe succedere davvero di tutto.

In principio fu Ronaldo "O' Fenomeno", in seguito Kondogbia sostituto al 28° da De Boer, Gabigol e Karamoh: i rossoblu sono indissolubilmente legati a momenti magici per i nostri colori (anche perché credo che in qualche perverso modo ci amino, considerato il numero di giocatori poi passati dai nostri ai loro colori e viceversa).

"A tal deg", Inter - Bologna è una partita da non perdere 2 Ranocchiate


Sospetto che Gianni Morandi sia riuscito ad infiltrarsi dalle parti di Viale della Liberazione e compaia ogni qual volta un giocatore dell’Inter pensa alla cessione con un « BUONGIORNISSIMO, BOLOGNA??? » ma purtroppo non ne ho le prove.

Vi confesserò una cosa però: sarà l’astinenza da calcio degli scorsi mesi, ma sono felice come un bambino; si va talmente tanto veloci che non c’é tempo né di gioire né di abbattersi, con buona pace della mia solita ansietta.
Mi viene persino da pensare che le 17.15 di Domenica su Dazn non sia una brutta combinazione alla fine (se avete di meglio da fare a quest’ora avete decisamente una vita migliore della mia).

A tra poco, Bologna: magari questa é la volta buona per Agoumé, che ne dici?
Nel dubbio, #mitt.

P.S: non vi azzardate a mettere in campo 11 Medel, che quello é un nostro schema.

Notizie flash

Ultimi articoli

28/02/2021
Inter - Genoa nel tempo di un caffè a tinte bianconere

Ho un brutto presentimento.Giocare contro questo Genoa, dopo il passo falso della Juve. Non c’è niente di buono. In più ieri ha pure segnato Karamoh.Nuvole oscure ci attendono all’orizzonte. Mi manchi Yann. Primo tempo 1’ - NON CI CREDO LUKAKONEEEEEEE Progressione infinita sul lancio di Bastoni e punisce Perin senza pietà. 3’ - Che noia […]

28/02/2021
Inter - Genoa: 3 motivi per non perderti questa partita

Premessa: diamo a Cesare quel che è di Cesare. Il nostro allenatore – che è una pesantezza di uomo – già alle 17.15 di domenica scorsa diceva di essere concentrato solo sulla prossima partita, e alle 9 di lunedì mattina faceva già sputare fuoco a Vidal facendolo allenare con Zanetti. Ecco, ringraziamo il fatto che […]

22/02/2021
Milan - Inter, il pagellone che non ci si crede

HANDA 52: EUREKA! IL LASER FUNZIONA!Non esistono altre possibili spiegazioni al fatto che il tiro di Theo Hernandez non sia entrato: giuro, finché non è ripreso il gioco avrei giurato di essere stato vittima di un allucinazione.E invece no.E' TUTTO VERO.Poi però non gli basta e decide di fare 3 parate che valgono 3 gol […]

21/02/2021
Milan-Inter, dieci pensieri post-derby

10 - Buonasera buonasera buonasera buonasera, sono un'interista, sono a digiuno, e tra le 15 e le 17 circa sono morta e risorta un centinaio di volte, sono capolista e serenamente godo. 9 - MADOOOOOOOOO SIAMO PRIMI GRAZIE A UN DERBY CON TRE GOL RIFILATI AL MILAN IO GODISSIMO E SE NEEE VAAAAAAAA 8 - […]

21/02/2021
Il Derby nel tempo di tre schiaffi in faccia

Primo tempo 1’ - E niente sono già deluso. Ho aspettato invano lo scambio di strette di mano tra Lukaku e Ibra con possibile improvvisazione in scazzottata / la più bella royal rumble mai vista. E invece niente strette di mano e niente. Triste. 4’ - LA LULA COLPISCE ANCORAAAAAAAAAAAAAAAA Perché Romelu?Perché?Perché continui ad attentare […]

21/02/2021
Alla Ricerca del Derby Perfetto

Ho diversi anni di interismo alle spalle ed ho vissuto tantissimi derby. Molti, da bambino, attaccato alla radio e raccontati dalle voci di Sandro Ciotti ed Enrico Ameri.Diversi, da adolescente, visti in TV a casa di amici, o in un bar, in stato di ebrezza e blasfemia.Nessuno putroppo vissuto allo stadio, avendo abitato sempre a […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram