17/01/2017

In(ter)conscio, Inter-Chievo: "Vorrei... e posso!"

Cari amici di Ranocchiate, è un bel momento per essere Interisti (in attesa di certezze).

Altro giro, altra vittoria, altra partita diversa.

E’ stata la prima cosa che ho pensato dopo questa partita, ognuna di esse, a mio parere, ha richiesto un approccio psicologico sempre nuovo: con il Genoa è stata una partita combattuta con una squadra tanto imprevedibile quanto combattiva; il Sassuolo si è dimostrato la solita squadra che fa dell’intensità la propria arma migliore, permettendoci di siglare una sola rete; con la Lazio abbiamo dato dimostrazione di grande personalità, vincendo i duelli chiave in tutte le zone del campo.

Queste ultime due partite, potrebbero essere invece accomunate da un fattore molto importante: l’Inter ha dimostrato di avere le potenzialità per vincere le partite “da grande squadra”, atteggiamento che sembrava un po' scomparso dall’avvento di tutti i successori di Jose Mourinho.

La partita vinta contro il Chievo è stata la partita del “vorrei e posso”, poiché dopo esser andati in svantaggio (non esattamente una novità in questa stagione, per maggiori informazioni rivolgersi al buon De Boer, ndr.), siamo riusciti non solo a recuperare la partita, non solo a passare in vantaggio ma persino a suggellare la vittoria con il gol del 3-1, cosa che sarà certamente “relativa” ai fini del risultato, ma dimostra voglia di combattere fino all'ultimo minuto.

Perché non siamo una squadra qualunque, siamo il Football Club Internazionale Milano, dal lontano 1908.

L’impronta di Pioli è talmente visibile da sembrare di poterla toccare con mano, basti pensare a casi come quello di Kondogbia, decisamente in crescita nelle ultime uscite: la squadra sta dimostrando personalità e spirito di adattamento, cose da non poco conto se si vuole provare a coltivare il sogno di tornare nel calcio che conta; i giocatori, in ultima analisi, sono finalmente “consci” di essere all’Inter.

Trovo superfluo lanciarsi in analisi campate all’aria per poter attirare l’attenzione con paroloni o disamine da aspirante professionista del mio futuro mestiere, quando le cose vanno bene si deve essere orgogliosi dei miglioramenti fatti: non sarà di certo una passeggiata affrontare le partite che verranno, ma certamente 5 vittorie consecutive fanno morale; ora bisogna continuare così, sull’onda dell’armonia e della caparbietà (per maggiori informazioni, chiedere dell’Atalanta), sapendo di poter contare sulla voglia di riscatto che i nostri giocatori stanno dimostrando.

Menzione speciale per questa partita a Roberto Gagliardini, che si è approcciato ad una nuova realtà con tanta umiltà tattica e tanta voglia di fare la sua parte in questo progetto: se questo è l’inizio...

A margine,pero, mi viene da pensare: è troppo presto per iniziare a credere in questa squadra?

Siamo onesti, non abbiamo mai smesso di credere in questa squadra

A cura di Patrick Pecora

In(ter)conscio, Inter-Chievo: "Vorrei... e posso!"

Cari amici di Ranocchiate, è un bel momento per essere Interisti (in attesa di certezze).

Altro giro, altra vittoria, altra partita diversa.

E’ stata la prima cosa che ho pensato dopo questa partita, ognuna di esse, a mio parere, ha richiesto un approccio psicologico sempre nuovo: con il Genoa è stata una partita combattuta con una squadra tanto imprevedibile quanto combattiva; il Sassuolo si è dimostrato la solita squadra che fa dell’intensità la propria arma migliore, permettendoci di siglare una sola rete; con la Lazio abbiamo dato dimostrazione di grande personalità, vincendo i duelli chiave in tutte le zone del campo.

Queste ultime due partite, potrebbero essere invece accomunate da un fattore molto importante: l’Inter ha dimostrato di avere le potenzialità per vincere le partite “da grande squadra”, atteggiamento che sembrava un po' scomparso dall’avvento di tutti i successori di Jose Mourinho.

La partita vinta contro il Chievo è stata la partita del “vorrei e posso”, poiché dopo esser andati in svantaggio (non esattamente una novità in questa stagione, per maggiori informazioni rivolgersi al buon De Boer, ndr.), siamo riusciti non solo a recuperare la partita, non solo a passare in vantaggio ma persino a suggellare la vittoria con il gol del 3-1, cosa che sarà certamente “relativa” ai fini del risultato, ma dimostra voglia di combattere fino all'ultimo minuto.

Perché non siamo una squadra qualunque, siamo il Football Club Internazionale Milano, dal lontano 1908.

L’impronta di Pioli è talmente visibile da sembrare di poterla toccare con mano, basti pensare a casi come quello di Kondogbia, decisamente in crescita nelle ultime uscite: la squadra sta dimostrando personalità e spirito di adattamento, cose da non poco conto se si vuole provare a coltivare il sogno di tornare nel calcio che conta; i giocatori, in ultima analisi, sono finalmente “consci” di essere all’Inter.

Trovo superfluo lanciarsi in analisi campate all’aria per poter attirare l’attenzione con paroloni o disamine da aspirante professionista del mio futuro mestiere, quando le cose vanno bene si deve essere orgogliosi dei miglioramenti fatti: non sarà di certo una passeggiata affrontare le partite che verranno, ma certamente 5 vittorie consecutive fanno morale; ora bisogna continuare così, sull’onda dell’armonia e della caparbietà (per maggiori informazioni, chiedere dell’Atalanta), sapendo di poter contare sulla voglia di riscatto che i nostri giocatori stanno dimostrando.

Menzione speciale per questa partita a Roberto Gagliardini, che si è approcciato ad una nuova realtà con tanta umiltà tattica e tanta voglia di fare la sua parte in questo progetto: se questo è l’inizio...

A margine,pero, mi viene da pensare: è troppo presto per iniziare a credere in questa squadra?

Siamo onesti, non abbiamo mai smesso di credere in questa squadra

A cura di Patrick Pecora

Ultimi articoli

08/03/2020
Juventus - Inter nel tempo di un caffè al coronavirus

Mai nella vita mi sono approcciato a un derby di Italia con così poca carica. Non è l'assenza di tifosi il problema. Nemmeno quella di Eriksen. Il problema è che stiamo probabilmente per assistere agli ultimi 90 minuti della serie A di quest'anno. Primo tempo 1' - Ci prova Vecino da fuori. Meta. 6' - […]

08/03/2020
10 cose più facili di una vittoria contro la Juve

10. Trovare una scorta di Amuchina DOC Gran Riserva 1912 in cantina. 9. Mauro Icardi Premio Nobel per la Pace 2020 per il buon operato compiuto negli spogliatoi. 8. Alberto Angela al Grande Fratello VIP. 7. Tino Lazaro diventa brutto. 6. Cristiano Ronaldo tolto dai temi del giorno di Tuttosport. 5. Eriksen non prende la […]

03/03/2020
10 motivi per cui non è stata giocata Juve - Inter

10. Lega Calcio decide che la maggior parte delle partite devono essere giocate a porte chiuse. Oh, e come entrano i giocatori nello stadio, con un elicottero? Li fai paracadutare tutti dentro lo stadio? Li butti dentro COMEUNACATAPULTA? Menomale che ci sei tu Dal Pinho! 9. Come scusa, Ronaldo vuole andare a vedere il Clasico? […]

02/03/2020
Lo Stagno Magazine - Marzo 2020

Non perderti l'edizione di Marzo 2020 dello Stagno Magazine! Adesso puoi comodamente leggerlo dal browser oppure scaricarlo!

28/02/2020
Inter - Ludogorets, il pagellone della terra desolata

PADELLI 8: Sono venuto a sapere da fonti affidabili che qualcuno ha avuto il coraggio di criticare The Italian Stallion. E non mi sono ancora ripreso dalla cosa. Cioè ma come si fa?! Io capisco la psicosi Coronavirus, ma qua mi pare si esageri. Poco male, lui è talmente meraviglioso da rispondere alle critiche TOTALMENTE […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram